Print Friendly and PDF
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Open sandwiches

    open sandwiches, ma cosa sono?
    Semplice, fette di pane fresco, che può essere di segale, bianco, o di altre farine, dove puoi appoggiare qualunque cosa ti suggerisce la fantasia.
    L'idea ha origini antiche, inglesi e francesi ma poi diffuse in tutto il nord Europa, quando il pane era usato come piatto e alle fine del pasto, inzuppato di cibo, veniva consumato o dato in pasto al cane di casa o conservato per i mendicanti.
    Il sandwich aperto è tradizionale e molto comune nei paesi nordici dove viene consumato praticamente sempre. Colazione, pranzo, cena o come merenda. In Finlandia il panino si chiama voileipä, e in Estonia võileib, più o meno allo stesso modo, in Scandinavia ha diversi nomi (danese: smørrebrød, norvegese: smørbrød, svedese: smörgås o macka) che sostanzialmente significa "pane al burro" e, secondo dove sei, sormontato da formaggio, carne fredda, prosciutto, tacchino, gamberetti, salmone affumicato, caviale, uova sode, bacon, aringhe, filetti di pesce, paté di fegato, polpette di carne e completato da alcune erbe e verdure. Tutto sullo stesso pezzo di pane.

    Ho scelto di farne due tipi, partendo dalle patate. L'unica mia variante, rispetto alla ricetta di Donna Hay, è stato il pane. Non avendo avuto il tempo di farmelo ho scelto un filone tirolese, quello buonissimo dell'Esselunga, ai cereali, in sostituzione di quello di segale.





    Patate, maionese di melanzane e bacon

    4 fette di pane di segale (io ai cereali)
    burro salato q.b.
    80 g bacon a fette
    4 piccole patate novelle
    2 o tre cucchiai di maionese di melanzane
    una piccola manciata di cerfoglio, o aneto, o erba cipollina
    pepe macinato al momento


    per la maionese di melanzane:
    1 piccola melanzana
    1 spicchio d'aglio
    un paio di foglie di basilico
    poco olio e.v.


    Lessate le patate con la buccia, lasciatele poi intiepidire e pelatele, quindi tagliatele a fettine sottili.

    Tagliate a metà la melanzana, spennellatela d'olio sulla parte tagliata, punzecchiatela con un ago o una forchetta quindi mettetela in forno in una teglia foderata di carta forno, e cuocetela a 180° fino a quando sarà morbida. Una volta pronta toglietela dal forno, con l'aiuto di un cucchiaio prelevate la polpa e mettetela a sgocciolare in un colino per un quarto d'ora circa. Frullatela insieme a un piccolo spicchio d'aglio tritato e le foglie di basilico, montandola con l'olio come si fa per la maionese.
    Trasferitela in un contenitore e tenete da parte.
    Ora scaldate un padellino antiaderente e fate cuocere le fette di bacon fino a farle diventare belle croccanti.
    Affettate il pane a fette possibilmente di uguale altezza. Imburratele totalmente con il burro salato, appoggiatevi sopra le fette di patata, sopra le patate fate un generoso strato di maionese di melanzane, completate con il bacon croccante e le erbe che avete scelto. Nel mio caso ho optato per l'erba cipollina. Date una bella macinata di pepe e voilà.






    Patate, porro e limone

    4 fette di pane di segale (io ai cereali)
    1 piccolo porro
    burro salato q.b.
    4 o 6 patate novelle
    2 o 3 cucchiai di pesto
    2 cucchiai scarsi di capperi sotto sale
    poco olio e.v. d'oliva
    le zeste di mezzo limone
    pepe nero macinato al momento

    Lessate le patate con la buccia, poi scolatele, pelatele e lasciatele raffreddare quindi tagliatele a fette sottili.
    Dissalate i capperi.
    Mondate il porro, tagliatelo a fettine in diagonale, sciacquatelo in acqua fredda e asciugatelo bene. Friggete in olio caldo finchè sarà croccante. Lasciate poi scolare il fritto su della carta assorbente.
    Tagliate le fette di pane possibilmente della stessa altezza. Spalmatele in modo uniforme con il burro salato.
    Distribuite il pesto e i capperi su ogni fetta, completate con il porro fritto e le zeste ricavate con un rigalimoni. Spolverate di pepe nero.

    Non ho fatto il pesto, avendone di scorta nel freezer, ma data la esigua quantità che serve, va bene anche quello compro, basta che sia di buona qualità.






    Bene, ce li siamo, non dico litigati, ma quasi...

    più delicato quello col porro, più saporito quello col bacon, ma entrambi gustosi e stuzzicanti.

    Una bella idea, e capita a fagiolo in tempo di mondiali di calcio. Basta prepararne un po' e poi un buon bicchiere di vino e una buona compagnia davanti alla tv, cercando di dimenticare che l'Italia stavolta non c'è.


    In ogni caso sono una bella idea, potete sbizzarrirvi su cosa metterci, per esempio anche pesche noci grigliate, ricotta e aceto balsamico, per dirne una...liberate la fantasia!
    http://lagallinavintage-giuliana.blogspot.com/

  • #2
    Che bell'idea!
    ho sempre in freezer delle fette di pane integrale che scaldate nel tostapane vengono buonissime e mi sembrano molto adatte a questi sandwich.
    Nessuno può saltare oltre il limite della propria ombra.

    M.Heidegger

    Commenta


    • #3
      Bella ispirazione, grazie!

      Commenta


      • #4
        La banale fetta di pane diventa un piatto gourmet
        bellissima idea!!!per le serate estive

        Commenta


        • #5
          Sono bellissimi, ma solo l'idea di fare tante piccole preparazioni diverse , pigrotta io , li vorrei belli e fatti!
          Carmen

          Commenta


          • #6
            Giuliana, come sempre un capolavoro.....

            Commenta


            • #7
              Giuliana sei sempre bravissima, l'idea è veramente stuzzicante, grazie della condivisione
              Angiuledda
              Il sapere e la ragione parlano, l'ignoranza e il torto urlano Anonimo

              Commenta


              • #8
                Sei una costante fonte di ispirazione, grazie Giuliana!
                Graziella

                Commenta


                • #9
                  Che belli e che belle combinazioni di gusti, Giuliana! Con me, poi, sfondi una porta aperta: amo follemente tutto ciò che è panino, tramezzino, bruschetta, tartina.. credo che potrei viverci... Bacon e melanzane, poi... mi sa che provo a breve, sì sì!
                  - La vita è troppo incerta per far perdere di profumo alle spezie. -
                  Diletta

                  Commenta


                  • #10
                    Spettacolo, soprattutto la maionese di melanzane. E' parente del baba ganoush, vero? Ci sono differenze?

                    Commenta


                    • #11
                      Ho mangiato i primi open sandwiches durante una vacanza in Danimarca, con le aringhe affumicate che li sono buonissime.

                      Queste due ricette sono veramente notevoli. E mi piace l'idea delle patate, che non ho mai visto accoppiata con il pane. E poi con l'accoppiata patate, bacon croccante e maionese di melanzane non possono che essere moolto appetitose. Copiate!

                      Commenta


                      • #12
                        Li copierei volentieri se non fossi a dieta ferrea, nemmeno un pezzetto di pane mi è concesso purtroppo!
                        Brava Giuliana!
                        Amo la cucina da quando ero bambina, principalmente è la cucina della mia tradizione ma non disdegno sperimentazioni e altri territori.il mio blog

                        www.rosariaaifornelli.blogspot.com

                        Commenta


                        • #13
                          Ottimi, mi ispirano molto per le serate con gli amici al mare! Brava come sempre Giuly.
                          Elena

                          Commenta

                          Operazioni in corso..
                          X