X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Risotto di stasera

    Mi sono reso conto di come le cose entrino in testa, ci soggiornino per un po’, poi all’improvviso si spingono tutte insieme verso la porta, come quando suonava la campanella a scuola, si affastellino una sull’altra e quando sono uscite si sono fuse e trasformate. A volte se ne riconoscono le origini altre volte no.

    Ultimamente, qui su Coqui, abbiamo parlato tanto di riso,ma anche di cavolfiore, e di finocchi, ed ho anche accennato al risotto con finocchi e salmone che avevo mangiato tanto tempo fa.

    Stasera torno a casa tardi, entro in sala sperando di sedermi a tavola. Invece tutti mi guardano e mi dicono: non abbiamo avuto idee, prepara tu

    In testa mi suona la campanella della scuola, tutto quello che ho letto su coquinaria corre verso l’uscita, spingendo e facendosi lo sgambetto, tagliandosi la strada per uscire prima.

    Ed ecco quello che è venuto fuori:

    risotto con cavolfiore al profumo di curry, con fette di salmone affumicato.

    Mi hanno fatto grandi complimenti, che giro tutti a Coqui.

    Faccio andae due spicchi d’aglio nell’olio, ci butto dentro il cavolfiore tagliato a pezzi piccoli e lascio colorire come nella pasta e cavolfiore di Rosaria. Ci spolvero sopra un cucchiaio piccolo di curry, lascio tostare, aggiungo il riso e tosto anche lui. Porto a cottura con il brodo, come per un risotto. Un goccio piccolo piccolo di aceto bianco per esaltare la sapidità, un filo d’olio per mantecare, appena appena del parmigiano (poco) che a rigore non ci andrebbe ma che nei fatti non era male. Poi servo con qualche pezzo di salmone affumicato appoggiato sopra.

    Clicca sull'immagine per ingrandirla.*  Nome:   07353DDD-2D08-40B4-9BBE-EB010C778C02.jpeg* Visite: 1* Dimensione: 298.0 KB* ID: 2930367

  • #2
    Buono!
    Maria Grazia

    Commenta


    • #3
      Buono complimenti per la fantasia

      Commenta


      • #4
        Premetto che in cucina, io prediligo la filosofia della sottrazione più che dell’addizione.
        Nel senso che, tendenzialmente, cerco di creare i miei piatti con pochi ingredienti e aromi, perchè mi piace “onorare” l’ingrediente principale cercando di esaltarne al massimo le sue potenzialitá.
        A meno che non si tratti di una salsa di accompagnamento o un fondo.
        questo risotto mi incuriosisce proprio perchè io non ci avrei messo quello che ci hai messo tu e magari ribalta la mia “filosofia”
        Con il salmone ad esempio io abbino il broccolo che ha un sapore più delicato e mi pare si sposi meglio con il sapore del salmone ( ma sono pronta a ricredermi !)
        Poi con il salmone vedo bene l’aneto, il Curry mi sembra troppo predominante anche se ne metti poco, ma forse sono io che “standardizzo” troppo gli abbinamenti. Il grana, no non ce lo avrei messo, ma una mantecatura con un po’ di burro, come si fa con i risotti all’onda non mi sarebbe sembrata malaccio, considerato che il burro, con il salmone, ci sta bene.
        se mi fossi ritrovata con quegli ingredienti in casa avreii mangiato i crostini con burro e salmone come antipasto e avrei fatto il risotto con il cavolo, che mi attirá assai ( adoro il cavolo), alla tradizionale, col soffrittino di cipolla, il brodo, il grana e la mantecatura con burro.

        ma, come dicevo, io sono per la cucina della sottrazione.

        Ma il racconto della campanella, sue come hai creato la ricetta, quello, è stato eccezionale!
        Grazy
        ...Autogestire la propria creatività, senza intermediari, senza volontà eccelse e onnipotenti che decidono al posto tuo, poco a poco ti rivela la necessità di autogestire il tuo stesso destino. (S. Agosti)
        Ingiuriare i mascalzoni è cosa nobile, perché, a ben vedere significa onorare gli onesti! (Aristofane)

        Commenta


        • #5
          Graziana, cncordo con il tuo approccio. Ci avrei messo solo il cavolfiore, che per me ha un sapore blando (solo la puzza del cavolfiore non è blanda, ahah), e poi il salmone affumicato, a freddo, appoggiato sopra. E poi il curry è saltato fuori proprio per il sapore blando del cavolfiore, pensa te! Ovvamente tutto pensato, in testa, nulla era ancora sul fuoco. E il parmigiano, vero, non ci andava, ma avevo bisogno di qualcosa per mantecare ed il burro l’avevo usato tutto per la besciamella di ieri.
          L’aceto, poco poco poco, è un trucco che viene da Oldani, che non sfuma il risotto col vino, ma ci aggiunge un goccio di succo di limone alla fine. Per me il limone è troppo aggressivo, e viro sull’aceto. Questo provalo, Graziana, sembra improbabile eppure cambia notevolmente il risultato.
          Non era male, davvero. Il curry, solo un pochino, per dargli un qualcosa.

          Commenta


          • #6
            Che cena gourmet
            capisco che in casa non hanno idee e lasciano fare a te

            Commenta


            • #7
              Wow, ho tutto in casa, mi hai dato un'ottima idea x il pranzo. Non ci metto il curry però perché qui lo mettono ovunque e ne ho fin sopra i capelli :-)
              fortunata la tua famiglia: se non ho voglia di cucinare mio marito prepara tonno e fagioli. O consulta i menu dei delivery
              Laura

              Commenta


              • #8
                Il curry con il cavolfiore è un classico della cucina orientale (a match made in heaven ovvero una combinazione celestiale).
                Se ti fai un giro su San Gugol mettendo "cauliflower curry" ti esce un mondo.
                Il cavolfiore puzza che appesta ma di sapore ne ha decisamente pochino, quindi ci vuole qualcosa che lo esalti.
                Mi piace l'idea del salmone messo a freddo: nella mia testa non ci avrebbe azzeccato nulla, ma è da provare di sicuro.
                Avrei pensato più a qualche filetto di pesce cotto nel burro con tutta la pelle, bello croccante, da metterci sopra in modo da avere un piatto unico un po' fuori dalle righe.
                Di solito andiamo dritti e sicuri sulla strada della nostra esperienza, ma ogni tanto uno sbandamento ci vuole: penso che servi a scoprire nuove strade.
                If you can't stand the heat, stay out of the kitchen!
                radiocucina.blogspot.com

                Commenta


                • #9
                  Pubblicato originariamente da MarinaV Visualizza il messaggio
                  Avrei pensato più a qualche filetto di pesce cotto nel burro con tutta la pelle, bello croccante, da metterci sopra in modo da avere un piatto unico un po' fuori dalle righe.
                  .
                  Tipo il risotto col persico di tradizione del lago di Como.
                  Mica male l'idea.

                  Commenta


                  • #10
                    Sì, ma anche lui con una spruzzata di curry o mango verde
                    If you can't stand the heat, stay out of the kitchen!
                    radiocucina.blogspot.com

                    Commenta


                    • #11
                      Dove si trova il mango verde? Che sapore ha?

                      Commenta


                      • #12
                        In hindi si chiama amchoor o amchur, ha un profumo quasi di miele e limone. Buonissimo. Quando lo annusi pensi subito al curry.
                        Lo trovi dallo spacciatore di berberé e za'atar (o un qualsiasi negozio indiano).
                        Oppure online
                        If you can't stand the heat, stay out of the kitchen!
                        radiocucina.blogspot.com

                        Commenta


                        • #13
                          Si può anche dissentire? Io il salmone affumicato me lo sarei mangiato con un crostino per aperitivo, intanto che menavo il risotto!
                          Personalmente non amo il salmone affumicato e poi scaldato (vedi penne vodka/salmone).
                          Mi piace invece molto l'idea del risotto con cavolfiore e curry.
                          Sul procedimento avrei cotto il cavolfiore a parte e aggiunta solo dopo tostatura e sfumatura al riso, man mano con il brodo vegetale (nel quale avrei aggiunto le foglie e il centro duro del cavolfiore)
                          Tu mi hai fatto conoscere amici che non conoscevo, Tu mi hai fatto sedere in case che non erano la mia, Chi mi era lontano oggi è vicino e lo straniero è divenuto mio fratello (Tagore)

                          Commenta


                          • #14
                            Pubblicato originariamente da MarinaB Visualizza il messaggio
                            Si può anche dissentire? Io il salmone affumicato me lo sarei mangiato con un crostino per aperitivo, intanto che menavo il risotto!
                            Personalmente non amo il salmone affumicato e poi scaldato (vedi penne vodka/salmone).
                            Mi piace invece molto l'idea del risotto con cavolfiore e curry.
                            Sul procedimento avrei cotto il cavolfiore a parte e aggiunta solo dopo tostatura e sfumatura al riso, man mano con il brodo vegetale (nel quale avrei aggiunto le foglie e il centro duro del cavolfiore)
                            Evidentemente siamo della stessa scuola!

                            ho dato alto lo stesso suggerimento.
                            il curry sta molto bene col cavolo, ma non lo vedevo bene con il salmone per questo avevo suggerito al suo posto l’aneto che ha anche il suo perchè!

                            Comunque, siccome, quando parte la nave Coqui, è tutto un proliferare di stimoli, come ha ben raccontato Gianni, io oggi, avendo un bel cavolo ho fatto qualcosa di sumile.
                            precisamente ho fatto un orzotto ( da qualche anno lo presferisco al risotto), con il cavolo.
                            Ho rosolato della cipolla, aggiunto l’orzo e Le cimette di cavolo crude.
                            Cotto come un risotto con brodo vegetale.
                            alla fine grana.
                            Pensavo che il cavolo desse un sapore più intenso invece era molto delicato. Su una parte, memore dei suggerimenti trovati qua, ci ho messo del curry.
                            Veramente molto buono! Tutta la famiglia ha gradito!
                            Grazy
                            ...Autogestire la propria creatività, senza intermediari, senza volontà eccelse e onnipotenti che decidono al posto tuo, poco a poco ti rivela la necessità di autogestire il tuo stesso destino. (S. Agosti)
                            Ingiuriare i mascalzoni è cosa nobile, perché, a ben vedere significa onorare gli onesti! (Aristofane)

                            Commenta


                            • #15
                              E chi sono io per dissentire sul dissenso!

                              Marina, hai ragione, nel "mio" modo non ho tostato il riso come si deve. Anche se è da qualche tempo che mi domando quanto la tostatura iniziale incida sul risultato.

                              Sarebbe da fare un doppio cieco. Magari in settimana ...

                              E non ho mai, dico mai, fatto l'orzotto. sarebbe anche ora di provare. Non ha amido: come si comporta con la mantecatura? Burro e basta?

                              Commenta

                              Operazioni in corso..
                              X