X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Mi sembrava di essere come mia nonna...

    ieri sera dopo cena
    avevo una ricotta da consumare
    quindi faccio un dolce
    ..
    classica impasto della ciambella all'acqua ..mi piace è semplice non mi impegna
    non ho zucchero
    non ho che 2 uova

    che faccio ??
    io miei vicini di casa erano già usciti… quindi cerco …
    e cerco
    e cerco
    trovo zucchero a velo
    zucchero di canna ics
    zucchero muscovado
    li unisco e come diceva mia nonna "cusì come che ciama.." ovvero così come l'impasto chiama
    se non hai abbastanza quantità per un elemento
    aggiungo la ricotta
    solo un uovo e 3 bustine di zucchero alla nocciola… altro non avevo
    farina ?... ne avevo solo di integrale
    Risultato…
    un ottima tortina con un interno morbido di ricotta cosparso di gocce di cioccolato (quelle ne avevo in abbondanza)
    e mentre cercavo di far quadrare il cerchio con i pochi grammi di quello che avevo mi è venuta a mente mia nonna
    maga della pizza.. ricordo i miei compleanni di quando ero bambina dove lei chiusa in cucina della casa dei miei
    sfornava pizze come gennarino
    quando la sua mente se ne è andata dove nessuno la poteva raggiungere
    le ho chiesto la ricetta dell'impasto della pizza
    "te metti farina - quanta nona ? - ehhh come che ciama"

    http://www.flickr.com/photos/pierovis-ciada/

  • #2
    Paola
    Anche mia madre dice così...
    Maria Grazia

    Commenta


    • #3
      Che bel racconto Paola.. quanto mi mancano le conversazioni con la mia nonna e le session in cucina assieme per cercare di carpire segreti che lei nemmeno sapeva di avere...
      - La vita è troppo incerta per far perdere di profumo alle spezie. -
      Diletta

      Commenta


      • #4
        Pubblicato originariamente da dilettaluna Visualizza il messaggio
        Che bel racconto Paola.. quanto mi mancano le conversazioni con la mia nonna e le session in cucina assieme per cercare di carpire segreti che lei nemmeno sapeva di avere...
        purtroppo con mia nonna non sono riuscita ad avere nessuna session in cucina
        quando lei era a posto io non cucinavo che una bistecca ai ferri ma lessa e forse pasta con la salsa di pomodoro
        ma ricordo un sacco di cose che lei faceva
        i pranzi alla domenica di quando mio zio, suo figlio, chef di bordo tornava a casa da lunghi viaggi

        ricordo una volta che io e mia cugina ci siamo comperate due paperelle al mercato del giovedì
        e queste paperelle le abbiamo date in affido a mio zio, ovvero le abbiamo messe nel suo giardino
        queste paperelle ad un certo punto sono diventati grandi e rumorose…
        dopo un tot di mesi .. mio zio rientra da un viaggio
        si va a pranzo a casa dei nonni
        gnocchi con una carne
        le paperelle però stando al racconto della nostra nonna erano scappate al caldo
        …….
        http://www.flickr.com/photos/pierovis-ciada/

        Commenta


        • #5
          “Quanto ne acchiappa” grazie, che bel ricordo.
          Da ciascuno secondo le sue possibilità, a ciascuno secondo i suoi bisogni(A. Campanile) www.ricettelle.blogspot.com

          Commenta


          • #6
            Bei ricordi...anche mia nonna faceva cose buonissime e rigorosamente tutto ad occhio.

            Commenta


            • #7
              Le nonne, per chi ha la fortuna di averle ancora, sono un patrimonio incredibile di tradizioni e sapere! In effetti non ho mai visto nessuna nonna che pesasse gli ingredienti

              Commenta

              Operazioni in corso..
              X