Coquinaria.it: L'Incontro di Tradizione, Cultura e molto di più della Cucina Italiana
Oggi - mini header
logo


MARMELLATE CON METODO FERBER - Coquinaria.it: Tavola Rotonda
  • Se questa è la prima visita, è consigliabile dare un'occhiata alle linee guida qui. Per poter pubblicare un messaggio è necessario registrarsi qui, mentre per leggere gli interventi degli altri iscritti non è necessario. Benvenuti!
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • MARMELLATE CON METODO FERBER

    In cosa consiste esattamente questo metodo??
    Ho letto anche in molte ricette della Ferber che avete postato e gelosamente copiate che viene utilizzato lo zuccheto cristallizzato. Cos'è esattamente??
    Grazie mille!

  • #2
    In pratica Christine Ferber (detta anche la fata delle confetture ) mette nella sua casseruolona in rame (che poi sarebbe il pentolone di coqui) la frutta con lo zucchero e porta lentissimamente ad ebollizione. Spegne. Toglie il tutto dal tegame (non deve restare a contatto con il rame che ha la funzione di favorire il legame tra le molecole di pectina), e lascia riposare per una notte. Il giorno dopo porta sempre lentissimamente ad ebollizione e fa bollire pochissimi (cinque minuti mi pare.. se vuoi controllo di preciso).
    Su questo gioca aggiungendo aromi, succo di mela (per la pectina) etc...

    Commenta


    • #3
      Grazie Ross!
      Volendo acquistare i suoi libri, a tuo avviso è meglio Mes confitures oppure Leà §ons de confitures?

      Commenta


      • #4
        Il secondo contiene parecchie del primo ed è di diversi anni dopo. In più nel secondo ci sono anche gli agrodolci che anni addietro in un libro a parte..

        Commenta


        • #5
          Dovrà comprarmi questi libri anche se non so il francese, tanto a me non mi ferma nessuno, vuol dire che faccio col libro come Totà e Peppino, chissà che marmellate riesco a tirare fuori
          Angiuledda
          Il sapere e la ragione parlano, l'ignoranza e il torto urlano Anonimo

          Commenta


          • #6
            Da quando ho avuto buone notizie dalla Asl mi vien una volgia di mettermi in produzione...forse il libro potrebbe essere considerato "un investimento"?
            Grazy
            ...Autogestire la propria creatività, senza intermediari, senza volontà eccelse e onnipotenti che decidono al posto tuo, poco a poco ti rivela la necessità di autogestire il tuo stesso destino.(S. Agosti)
            Ingiuriare i mascalzoni è cosa nobile, perché, a ben vedere significa onorare gli onesti!
            (Aristofane)

            Commenta


            • #7
              Sicuramente Grazi!!
              "...nella vita non è importante per quanto tempo saremo insieme, quello che succederà in futuro, i progetti che non potremo condividere.. l'importante è esserci incontrati.. è questo l'importante"
              Il mio blog: Tentazioni di gusto

              Commenta


              • #8
                Scusa una domanda: non avevo capito che il passaggio nella pentola di rame non stagnato fosse proprio una caratteristica "saliente" del metodo Ferber. Quindi se si usa lo stesso sistema ma con pentola normale non viene così bene?

                Mi sa che mi comprerà anch'io quel libro perché adoro fare le marmellate e mi piace l'idea di scoprire nuovi sistemi...
                Il paiolo in rame ce l'ho non è grandissimo ma mi adatterà a fare poca marmellata per volta....

                Peccato che io sia a dieta e non posso assaggiare la differenza...
                Paola

                Commenta


                • #9
                  il metodo Ferber consente di ottenere ottime marmellate anche fatte in un tegame non di rame,io ad es uso un tegame antiaderente.
                  Anche perché per attivare la pectina conta di più l'ambiente acido,dato dalla frutta e dal succo di limone.
                  e poi molte marmellate della Ferber sono di frutti che non contengono in pratica pectina.

                  E' sicuramente più influente sulla riuscita e soprattutto sui tempi di preparazione usare un tegame basso e largo in modo da favorire l'evaporazione dell'acqua.
                  \"la mamma legge il cucchiaio di Rossanina al computer!\"(tommy 2 anni)

                  http://lafucinaculinaria.blogspot.com/

                  Commenta


                  • #10
                    mi prudono le mani...
                    Grazy
                    ...Autogestire la propria creatività, senza intermediari, senza volontà eccelse e onnipotenti che decidono al posto tuo, poco a poco ti rivela la necessità di autogestire il tuo stesso destino.(S. Agosti)
                    Ingiuriare i mascalzoni è cosa nobile, perché, a ben vedere significa onorare gli onesti!
                    (Aristofane)

                    Commenta


                    • #11
                      Originariamente inviato da Graziana Visualizza il messaggio
                      mi prudono le mani...
                      Quando me lo diceva la mia mamma io scappavo perché le stavo per prendere

                      Commenta


                      • #12
                        Capito, grazie....
                        Paola

                        Commenta

                        Operazioni in corso..
                        X