Pesce surgelato: come capire se è di buona qualità

Il pesce surgelato viene acquistato sempre più spesso dagli italiani, perché effettivamente offre dei vantaggi non indifferenti. Innanzitutto permette di evitare gli sprechi, in quanto rispetto al fresco si conserva più a lungo, ma consente anche di risparmiare in molti casi. Il pesce surgelato è inoltre decisamente pratico, perché nella maggior parte dei casi lo si trova già pulito, spinato con cura e pronto per essere cotto e mangiato, mentre quello fresco è spesso complicato da preparare.

In molti sono convinti che il pesce surgelato sia qualitativamente inferiore rispetto a quello acquistato fresco dal pescivendolo, ma si tratta di un errore di valutazione. Tutto dipende dal prodotto che si acquista, ma se questo è di buona qualità non ha assolutamente nulla da invidiare a quello che si trova al banco del pesce fresco. Vediamo allora come scegliere i surgelati per essere sicuri di mangiare un prodotto gustoso e di alta qualità.

# Processo di surgelazione controllato

Un primo dettaglio che vale la pena tenere in considerazione riguarda proprio il processo di surgelazione cui è stato sottoposto il pesce. Questo deve avvenire secondo tecniche di ultima generazione e soprattutto in modo controllato, per consentire che la materia prima sia sicura da mangiare e che non perda le proprie caratteristiche nutrizionali. È bene ricordare che la surgelazione del pesce prevede che questo venga portato in pochi minuti ad una temperatura di -18°C in modo da conservare al meglio il tutto.

# Certificazione MSC

Un dettaglio che permette di capire se il prodotto che si sta per acquistare sia realmente di qualità è la certificazione MSC che viene rilasciata solo quando il pesce utilizzato proviene da pesca sostenibile, nel pieno rispetto dell’ambiente e delle risorse. I migliori marchi oggi prestano molta attenzione anche a questi aspetti, sempre più importanti negli ultimi anni ed il marchio è un plus che conferma la qualità del prodotto. Basti pensare al merluzzo surgelato di Findus, con marchio blu MSC: è tra i più apprezzati dai consumatori e ha tutte le carte in regola non solo per quanto riguarda la qualità della materia prima ma anche sul fronte della sostenibilità ambientale.

# Assenza di conservanti

Tutti i prodotti surgelati devono essere per legge privi di conservanti. Non si tratta dunque di un optional ma di un vero e proprio obbligo di legge, vale quindi la pena di controllare sempre l’etichetta di ciò che si sta per acquistare. Ormai è pressoché impossibile trovare al supermercato del pesce surgelato contenente conservanti, proprio perché non risulta a norma di legge. Nel dubbio tuttavia è sempre meglio verificare, perché per compiere degli acquisti consapevoli bisogna non trascurare mai nessun dettaglio. Solo in tal modo è possibile evitare pericoli ed essere certi di consumare un prodotto qualitativamente buono.

FONTI:

https://www.findus.it/sostenibilita/approvvigionamento-responsabile/pesca-sostenibile

https://www.findus.it/nutrizione-curiosita/surgelazione/surgelazione-del-pesce

https://www.findus.it/noi-di-findus/pesce-surgelato/merluzzo-surgelato