X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Ma voi lo avete mai mangiato il vitel tonné?

    Perché mia suocera e Stef hanno fatto il MAIAL tonné, con un pezzo di filone (o lonza o arista, come lo chiamate) ed è venuto buonissimo, tenero tenero e di colore chiarissimo, che si poteva scambiare per vero. Ma la domanda è: quanti lo fanno veramente col vitello e quanti lo fanno con altri tagli/tipi di carne? A volte si trova nelle gastronomie un qualcosa che spacciano per vitel tonné ma ha un colore marrone scuro, che secondo me indica un vitello morto di vecchiaia...
    ciao
    marchino
    "Siete il mio tempo migliore" (Eleonora)

  • #2
    Io prendo il girello (magatello) di scottona, mai preso il vitello .
    Carmen

    Commenta


    • #3
      In casa mia non entrava mai il vitello per ordine di mio padre e quindi si é sempre fatto il maial tonné. Il vero vitel tonné, fatto con tutti i prismi alla piemontese l’ho mangiato solo da Guido da Costigliole, altrimenti é un piatto che evito di scegliere

      Commenta


      • #4
        No, sempre fatto, in passato, col girello. In casa mia il vitello non usava. Ora lo farei con la magrissima arista
        Si è sempre i meridionali di qualcuno.

        alberta

        Commenta


        • #5
          Qualche volta l'ho atto con il vtello, ma il costo era spropositato, a mio parere, per il tipo di preparazione.
          Quindi quando lo faccio uso anch'io l'arista di maiale, e viene anche più saporito.
          Non lesso l'arista come andrebbe fatto, ma prima facio l'arrosto e poi a parte la salsa tonnata con cui condirlo
          Grazy
          ...Autogestire la propria creatività, senza intermediari, senza volontà eccelse e onnipotenti che decidono al posto tuo, poco a poco ti rivela la necessità di autogestire il tuo stesso destino. (S. Agosti)
          Ingiuriare i mascalzoni è cosa nobile, perché, a ben vedere significa onorare gli onesti! (Aristofane)

          Commenta


          • #6
            Mia mamma lo faceva con il petto di tacchino... io credo di averlo fatto una o due volte con il vitello
            Agata

            "La follia è ereditaria: te la passano i tuoi figli!" (Legge di Bombeck)

            Commenta


            • #7
              Scottona (vitellone).
              Il vitello qui si trova rarissimamente, viene tutto esportato.
              Fatto una volta con il manzo ma non m'è piaciuto come consistenza.
              If you can't stand the heat, stay out of the kitchen!
              radiocucina.blogspot.com

              Commenta


              • #8
                Io lo faccio con il girello, ma per il 24 dicembre tra gli antipasti ho servito una "lingua salmistrata tonnè", cioè avevo preso dal macellaio una lingua già salmistrata molto buona. Tagliata con l'affettaricie su ogni fettina ho messo un cucchiano di salsa tonnata fatta da me. O meglio ho steso sul piatto una fila di fetta, sulla metà di queste con una sac-a-poche ho messo della salsa, e coperto poi con altre fette e così via. Il piatto all'apparenza era di solo lingua, ma sotto c'era la salsa. tutti hanno gradito molto

                Commenta


                • #9
                  Roberto come fai la salsa tonnata? Grazie.

                  Anche qui si fa con il girello. La carne di vitello non esiste proprio in vendita.
                  "Le Belle Arti sono cinque, e cioè: la pittura, la scultura, la poesia, la musica, l'architettura. Quest'ultima ha per ramo principale la pasticceria." Careme Marie Antoine

                  Commenta


                  • #10
                    Pubblicato originariamente da MarisaC Visualizza il messaggio
                    Roberto come fai la salsa tonnata? Grazie.
                    .
                    Marisa procedo....ad occhio !

                    cioè faccio la maionese (a caldo - metodo Montersino- se mi serve per più giorni, altrimenti maionese semplice sempre con bamix ad immersione).
                    Ad una base di maionese frullo del tonno sotto'olio sgocciolato, e aggiungo sempre della buccia di limone grattugiata sottile con la miprolane, mi piace la sensazione di freschezza che dà il limone. Poi a mano metto caperini di pantelleria tritati a coltello. Mi piace comunque una salsa consistente, non liquidina.

                    Ti metto la foto del mio vitel tonné fatto con girello di vitello, bello rosato cotto a bassa temperatura sottovuoto, 62° per 4 ore, poi abbattuto in positivo e conservato sottovuoto per un paio di giorni. La salsa non si vede perché la metto sotto. Cioè faccio una fila di fettina di carne, su metà metto la salsa e copro la salsa con altre fettine. Sulla carne poi metto altri capprini, pepe macinato e un filo d'olio, così, a mio avviso è più appetitoso
                    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   Vitello tonnato Novembre 2019.JPG 
Visite: 321 
Dimensione: 247.5 KB 
ID: 2937699

                    Commenta


                    • #11
                      Un bel modo per condirlo e per servirlo!
                      La vecchiaia non è poi così male quando consideri le alternative...

                      Commenta


                      • #12
                        In casa si è sempre fatto con il magatello di vitello lessato, come da ricetta storica.
                        Ma io in realtà non amo la carne di vitello, per vari motivi.
                        Da quando ho scoperto la cottura BT ormai faccio sempre e solo arista di maiale, oppure più raramente fesa di tacchino. Viene più morbida e più semplice da gestire visto che si può cuocere in abbondante anticipo.
                        Isabella
                        "per l'oca, citofonare Archicuoca!" (Annette)

                        Commenta


                        • #13
                          Pubblicato originariamente da archicuoca Visualizza il messaggio
                          Da quando ho scoperto la cottura BT ormai faccio sempre e solo arista di maiale, oppure più raramente fesa di tacchino. .
                          a che temperatura cuoci CBT l'arista e per quanto tempo ?
                          grazie

                          Commenta


                          • #14
                            Roberto ,che bella presentazione quel vassoio!!!
                            "Le Belle Arti sono cinque, e cioè: la pittura, la scultura, la poesia, la musica, l'architettura. Quest'ultima ha per ramo principale la pasticceria." Careme Marie Antoine

                            Commenta


                            • #15
                              Pubblicato originariamente da roberto zot Visualizza il messaggio

                              a che temperatura cuoci CBT l'arista e per quanto tempo ?
                              grazie
                              Di solito cuocio a 65°C per 4 ore, eventualmente lasciandola marinare sottovuoto per diverse ore in frigo con sale e spezie a piacere
                              Isabella
                              "per l'oca, citofonare Archicuoca!" (Annette)

                              Commenta

                              Operazioni in corso..
                              X