Coquinaria.it: L'Incontro di Tradizione, Cultura e molto di più della Cucina Italiana
Oggi - mini header
logo


"Guance di vitellone" in quanti modi si possono cucinare? - Coquinaria.it: Tavola Rotonda
  • Se questa è la prima visita, è consigliabile dare un'occhiata alle linee guida qui. Per poter pubblicare un messaggio è necessario registrarsi qui, mentre per leggere gli interventi degli altri iscritti non è necessario. Benvenuti!
Comprimi
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #16
    </font><blockquote>cita:</font><hr />Inviato da: GabriellaM:
    Polenta calda e latte freddo appena munto!!!! Uno dei profumi e dei sapori più vividi della mia infanzia! Adesso è difficile ritrovarlo...


    Scusa ma il latte appena munto non è caldo?!?!?
    </font>[/QUOTE]è tiepido sì, una bontà !!! però la polenta è fumante... [img]graemlins/slurp.gif[/img]
    "...nella vita non è importante per quanto tempo saremo insieme, quello che succederà in futuro, i progetti che non potremo condividere.. l'importante è esserci incontrati.. è questo l'importante"
    Il mio blog: Tentazioni di gusto

    Commenta


    • #17
      Se sono di manzo, le cucino in questo modo:

      Guance di Manzo

      Ripulire i guanciali di manzo (ca. 1,5 kg) delle eventuali pelli esterne e mettere a marinare con due carote, 1 costa di sedano a rondelle, 1 cipolla bianca tagliata in quattro, 2 chiodi di garofano e 1 foglia di alloro; aggiungere 1 bottiglia di vino rosso corposo (es. Teroldego, Lagrein dunkel, Cabernet o Barolo), coprire e mettere al fresco per 24 ore.
      Prelevare i guanciali dal vino, asciugarli bene e infarinarli, quindi soffriggerli in una pentola pesante (ghisa o coccio) con un pesto di lardo e olio ev. Mettere momentanemente i guanciali da parte e soffriggere nello stesso grasso la verdura della marinata, aggiungendo poi 2 chiodi di garofano e 1 foglia di alloro (nuovi!). Rimettere la carne nella pentola e aggiungere anche il vino della marinata; portare a ebollizione e far andare a fuoco lentissimo con coperchio per ca. 3 ore. Eliminare chiodi di garofano e alloro e passare la salsa al passe-vite; tagliare la carne a fette piuttosto alte; unirla nuovamente alla salsa, aggiustandola di sale e pepe (bianco). Il contorno ideale è il purè di patate oppure il riso pilaf (piatto unico).


      Se invece sono di vitello, così:

      Guance di vitello

      Pulire bene le guance di vitello (1 a testa) e infarinare con farina bianca. Rosolare velocemente le guance in abbondante burro da entrambi i lati e quindi sfumare con vino bianco; salare e pepare; incoperchiare e lasciare pippare per ca. 1 ora/1 ora e mezza, aggiungendo evtl del brodo affinché il fondo non si asciughi troppo. Pulire bene con un cucchiaio di legno il bordo del tegame dal caramello che si forma durante la cottura. Aggiungere un momento prima della fine della cottura un trito di prezzemolo e un trito di scorza di limone.
      In questo caso la polenta non è particolarmente indicata, meglio un purè di patate oppure del riso pilaf!
      Questo piatto è decisamente più delicato delle guance di manzo.
      Tu mi hai fatto conoscere amici che non conoscevo, Tu mi hai fatto sedere in case che non erano la mia, Chi mi era lontano oggi è vicino e lo straniero è divenuto mio fratello (Tagore)

      Commenta


      • #18
        Io faccio quelle della graziana. Servite con il purè.


        Ma visto che ora si cominciano a trovare (così come tante altre frattaglie che prima non si vedevano proprio....) mi sa che devo allargare il "parco ricette".

        Commenta


        • #19
          Io le faccio brasate come Marina

          Commenta

          Operazioni in corso..
          X