X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Pancakes al fonio

    Clicca sull'immagine per ingrandirla.   Nome:   8E6CBF56-7A65-411E-AD26-10318C945020.jpeg  Visite: 1  Dimensione: 170.6 KB  ID: 2927164

    Fatti per la colazione di domenica.
    Gonfiati troppo e rinominati fluffcakes
    Perfetti per chi non può mangiare frutta secca perché allergico!
    Per farli.. stampo in metallo, mi sono lasciata convincere.
    Sono venuti soffici soffici!!!

    Per 15 pancake
    95 g fonio in farina
    25 g amido di tapioca
    40 g fecola di patate
    Mezza bustina di lievito per dolci
    15 g zucchero
    Un uovo
    250 ml yogurt bianco naturale (due vasetti piccoli)
    Burro fuso

    Mescolare le polveri, in un’altra ciotola i liquidi e poi unirli lavorando poco.
    Cuocere a fiamma medio bassa su una padella a 4 fori antiaderente (io ho
    Spennellato con il burro fuso)
    Ultima modifica di L'Ing; 11/02/2019, 18:48.

  • #2
    ho avuto l'opportunità di mangiarli per la colazione del compleanno, buoni e gradevoli al gusto nonostante il fornio, chi l'ha "odorato" sa il perchè
    http://afabica.blogspot.com/

    http://www.legambientesardegna.com/public/img/logo_no_al_nucleare.jpg

    Commenta


    • #3
      In realtà il fonio in granì ha quell’odire di olio rancido, mentre la farina (mi sa che quella non ti è passsta sotto il naso) è buona e sa di noci. Ora voglio provare a cuocere il fonio in granì, capace che in cottura lo perda...

      Commenta


      • #4
        Quello che trovo straordinario di Ross è che riesce a produrre cose "senza" che non hanno nulla di meno delle cose "con".

        Ho assaggiato anch'io i pancakes al fonio e non sono per nulla "meglio questi che niente".

        E mi intriga da morire la sua competenza sulle proprietà delle diverse farine ed amidi che rende possibile mescolarli in maniera tale da sopperire alla mancanza dell'ingrediente "senza": "Il fonio non ha glutine, quindi lo devo mescolare con ... per tenere insime l'impasto e con ... per dargli l'elasticità necessaria". Straordinario.

        Commenta


        • #5
          Gianni non è competenza, è sopravvivenza ahahah
          A parte battute, mi è sempre piaciuto mangiare bene. E anche se devo limitare (o proprio evitare) certi ingredienti è per me decisivo riuscire a produrre qualcosa non "di mangiabile" ma buono.
          Quindi si studia per capire le proprietà reologiche di farine e amidi e via... si va!!!

          Commenta


          • #6
            Ross, esistono dei testi o delle dispense che illustrano le diverse proprietà delle farine e degli amidi, e delle regole/indicazioni di assemblaggi diversi, a seconda del risultato che si vuole ottenere?

            Commenta


            • #7
              Si si Ross, ci racconti qualche cosa di più del fonio? E magari, col tempo, qualche altra ricetta? Mi ricordo le tue dispense sulla rivista Free e dalle quali ho imparato tanto,,,
              Grazie!

              Commenta


              • #8
                Pubblicato originariamente da gianni Visualizza il messaggio
                Ross, esistono dei testi o delle dispense che illustrano le diverse proprietà delle farine e degli amidi, e delle regole/indicazioni di assemblaggi diversi, a seconda del risultato che si vuole ottenere?
                In realtà non ne ho mai trovate. ho spizzicato qua e là e ho provato molto da sola quasi quasi mi metto a fare un libro ahahah

                Commenta


                • #9
                  mi metto a studiare per bene e faccio una scheda carina sul fonio. Peraltro ho mangiato i grani e sono buonissimi!!!

                  Commenta


                  • #10
                    Pubblicato originariamente da Rossanina Visualizza il messaggio
                    In realtà non ne ho mai trovate. ho spizzicato qua e là e ho provato molto da sola quasi quasi mi metto a fare un libro ahahah
                    Secondo me dovresti. Per davvero.

                    Commenta


                    • #11
                      Pubblicato originariamente da gianni Visualizza il messaggio

                      Secondo me dovresti. Per davvero.
                      Concordo.
                      Con pure una bella classificazione delle differenze di tutti i malefici amidi e fecole, quando si dice amido e quando fecola, che io divento pazza...
                      E ti ho guardato quella storia della tapioca.
                      Dipende dal traduttore, ho scoperto.
                      Un pacco di amido, chiaramente amido anche perché scrocchiava, tradotto in 15 lingue come amido e in 3 lingue come farina... ma si può?
                      If you can't stand the heat, stay out of the kitchen!
                      radiocucina.blogspot.com

                      Commenta


                      • #12
                        Pubblicato originariamente da MarinaV Visualizza il messaggio

                        Un pacco di amido, chiaramente amido anche perché scrocchiava, tradotto in 15 lingue come amido e in 3 lingue come farina... ma si può?
                        maremma zucchina!!!

                        Commenta


                        • #13
                          Pubblicato originariamente da gianni Visualizza il messaggio

                          Secondo me dovresti. Per davvero.
                          Ottima idea. Ti sei informata, hai sperimentato, chi meglio di te potrebbe scrivere un libro? E poi ripeto quello che ho scritto prima, le tue schede pubblicate su Free sono fatte veramente bene.

                          Che dici ordino già la mia copia?

                          Commenta

                          Operazioni in corso..
                          X