X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Domenica: che si mangia oggi?

    Oggi giornata strana qui.
    Nicola è andato dalla sua mamma mentre io sono chiusa nello studio per due cose che devo assolutamente consegnare entro domattina.
    Guardo dalla finestra e vedo la primavera. Mi son messa senza calze e sento un freddo ai piedi che muoio
    per pranzo quindi che faccio? una robina primaverile stimolata dalla vista? Una più invernale stimolata dai piedi?
    boh, vediamo. Per ora ho tirato fuori il brodo di chianina dal congelatore e pensavo di fare un risotto alla parmigiana.
    Poi chissà. Dolce? niente. Abbiamo del gelato in freezer, delle cialde fatte fresche fresche (i famosi coni fatti però stesi perché la feffe che arrotolava non c'era nei paraggi ) mi sa che ci facciamo bastare quelle...

    E voi???
    Ultima modifica di Rossanina; 03/03/2019, 11:50.

  • #2
    Il Gatto m'ha appena fatto le sue famose uova della domenica (2 fettine di pancetta, 1 uovo e via).
    Per stasera preparo i capunet ma con un twist marocchino: ho comprato 1/2 kg di macinato di agnello e 1/2 kg di salsiccette merguez con cui fare il ripieno alle foglie di cavolo verde.
    Vi aggiornerò stasera con foto e commenti.
    E pensavo di fare anche un gratin di patate my way, ho parecchio formaggio da far fuori e delle patate che con il bel tempo della scorsa settimana (ora piove a dirotto da stanotte) hanno pensato di cicciare...

    AGGIORNAMENTO:
    L'impasto della carne nei capunet m'è venuto un po' troppo sapido, perché ho aggiunto un "insaporitore" toscano dove praticamente è tutto sale e qualche erba.
    Però ho aggiunto coriandolo, zenzero e cumino in polvere, erbe di provenza disidratate, pepe, peperoncino turco, una manciata di formaggio grattugiato e 3 uova piccole di galline giovani che ancora stanno imparando (come ho visto scritto una volta ). Ho sbollentato le foglie di cavolo verde, ma questa volta invece di tagliare tutta la nervatura centrale l'ho 'rasata' con un coltellino, così non ho bestemmiato troppo per chiudere l'involtino. In padella con un goccio d'olio e coperchio per 20 minuti a fuoco basso, girandole dopo 13 minuti.
    Anche il gratin era buono di sapore, ma il Gatto l'ha da smettere di comprare le patate a pasta dura (in inglese si dice waxy potatoes), perché davvero non funzionano. Ci vogliono quelle farinose per i gratin!
    If you can't stand the heat, stay out of the kitchen!
    radiocucina.blogspot.com

    Commenta


    • #3
      Come dicevo nel post di Giuliana, noi , ormai da anni, abbiamo le domeniche impegnate con il calcio: tra marito allenatore e eniooti giocatori, la domenica è un rincorrersi tra i campi di calcio, per cui, di solito si mangiano gli “avanzi” della gastronomia.
      Oggi goulash di guancia di manzo con patate in tecia!
      Dolci banditi visto che sono a dieta!
      Grazy
      ...Autogestire la propria creatività, senza intermediari, senza volontà eccelse e onnipotenti che decidono al posto tuo, poco a poco ti rivela la necessità di autogestire il tuo stesso destino. (S. Agosti)
      Ingiuriare i mascalzoni è cosa nobile, perché, a ben vedere significa onorare gli onesti! (Aristofane)

      Commenta


      • #4
        Stamattina sono finalmente riuscita a tornare fuori a correre, e ciò mi mette sempre di ottimo umore.
        Oggi a pranzo un antipastino veloce con fiori di cappero, affettato e due crostini.
        Poi pasta integrale con pesto di cavolo nero: è la prima volta che lo facciamo ed è buonissimo.
        Dolce poi per merenda quando arrivano i miei.
        Isabella
        "per l'oca, citofonare Archicuoca!" (Annette)

        Commenta


        • #5
          Sono a dieta stretta per motivi di salute, quindi a pranzo zuppa di cicorie selvatiche e fagioli cannellini, molto poco domenicale da queste parti, specie oggi che è l'ultima domenica di carnevale, ma io l'adoro. E ho avuto anche un extra inaspettato: stamattina al mercatino di Legambiente ho trovato i cedri, ne ho già fatto fuori un pezzetto.
          "Non si preoccupi madame, ci sarà cibo a sufficienza." da Il pranzo di Babette.

          Commenta


          • #6
            Io sono ancora al paesello da madre e sorella, quindi con dispensa, frigo e approvvigionamenti non proprio miei (mi giustifico principalmente con me stessa per stagionalità e marchi non molto da me, ma ahò). Fideuá catalana tarocca e siml-light fatta con gramigna nana (i "diavolini" della De Cecco), cipolla, peperone, taccole e una manciata di cozze, vongole e calamaretti. Insaporita però rigorosamente con zafferano e pimentón d'ordinanza. Che dire, agli amici catalani non la proporrei, ma serenamente commestibile, và! E devo dire che la pastina De Cecco se l'è cavata benino, penso le darò altre possibilità per pastine risottate.
            - La vita è troppo incerta per far perdere di profumo alle spezie. -
            Diletta

            Commenta


            • #7
              Oggi orecchiette con cimette di rapa e rollé di pollo con patate. Per dolce ultimo pezzo di gubana tirato fuori dal congelatore, poco carnascialesco ma buono buono. Stasera tisana, la domenica è l'unico giorno in cui mangiamo un pasto completo e lo stomaco non è più abituato

              Commenta


              • #8
                Oggi genovese, tirata fuori dal congelatore, zero fatica

                Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   P1040800.JPG 
Visite: 3 
Dimensione: 604.9 KB 
ID: 2930013
                il parmigiano l'ho aggiunto dopo
                Carmen

                Commenta


                • #9
                  Eravamo in tre, gli sposini sono in giro tra Parigi e Champagne. Ma per papà non posso rinunciare al pranzo della domenica, anche se da tempo l'ho alleggerito.
                  Quindi arista al latte preparata venerdì pomeriggio e abbattuta e patate al forno. Zero fatica e grande soddisfazione di tutti.

                  Commenta


                  • #10
                    Pubblicato originariamente da Graziana Visualizza il messaggio
                    Come dicevo nel post di Giuliana, noi , ormai da anni, abbiamo le domeniche impegnate con il calcio: tra marito allenatore e eniooti giocatori, la domenica è un rincorrersi tra i campi di calcio, per cui, di solito si mangiano gli “avanzi” della gastronomia.
                    Oggi goulash di guancia di manzo con patate in tecia!
                    Dolci banditi visto che sono a dieta!
                    Avercel, quegli avanzi, ci farei la firma!

                    Commenta


                    • #11
                      Ma siete tutti superman, con questi pranzi della domenica. Pranzo di oggi al ristorante, è il compleanno di mia suocera, ma le nostre domeniche normali hanno pranzi molto molto normali...

                      Commenta


                      • #12
                        Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   20E07C30-B0B8-4B4B-821F-EF8187B8BE90.jpeg 
Visite: 3 
Dimensione: 416.6 KB 
ID: 2930019 Io ho passeggiato. Poi ravioli burro e salvia, acquistati e verdure gratinate acquistate.
                        Fiera produttrice dei biscotti al burro mangiati anche da Lastefi!

                        Commenta


                        • #13
                          Pubblicato originariamente da gianni Visualizza il messaggio
                          Ma,siete rutti superman, con questi pranzi della domenica. Pranzo di oggi al ristorante, è il compleanno di mia suocera, ma le nostre domeniche normali hanno pranzi molto molto normali...
                          Io di solito minestrone, ma oggi c’era mia suocera
                          Fiera produttrice dei biscotti al burro mangiati anche da Lastefi!

                          Commenta


                          • #14
                            Direi che li da te basta il mare e bastano i colori

                            Commenta


                            • #15
                              Pubblicato originariamente da betti Visualizza il messaggio
                              Eravamo in tre, gli sposini sono in giro tra Parigi e Champagne. Ma per papà non posso rinunciare al pranzo della domenica, anche se da tempo l'ho alleggerito.
                              Quindi arista al latte preparata venerdì pomeriggio e abbattuta e patate al forno. Zero fatica e grande soddisfazione di tutti.
                              Bello però avere il grande babbo ancora a tavola. la domenica. E coccolarlo alla grande.
                              Come fai l'arista? come quella di Marchino?

                              Commenta

                              Operazioni in corso..
                              X