X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Ancora DULCE DE LECHE. Ricetta e foto

    Finalmente la ricetta tradizionale del "dulce de leche" (DDL)!

    DULCE DE LECHE TUCUMANO

    2 1/2 litri di latte
    1/2 baccello di vaniglia
    1/2 chilo di zucchero
    un pizzico di bicarbonato (solo la punta di un coltello)

    In una pentola, preferibilmente di rame, si porta a ebollizione il latte con la vaniglia tagliata a metà. Quando comincia a bollire si aggiunge lo zucchero con il bicarbonato. Si mescola con cucchiaio di legno fino a quando addensa... La tradizione richiede di girare continuamente e sempre nello stesso senso.
    Detto così la cosa sembra semplicissima, e lo è, ma armatevi di pazienza perché dovrete mescolare circa un'ora e mezza! Passata un'ora il colore del dolce cambia, osservarete che il movimento della superficie è diverso, perfino il bollire fa un suono differente. Continuate mescolando perché non si attachi. Come sapere quando è pronto? Ritirate un cucchiaino di dolce e versatelo su un piatto. Lasciatelo raffredare un attimo, se non scorre è pronto. Il latte si sarà ridotto a poco più di un terzo del totale.

    Il risultato è una crema consistente con un leve colore tostato:



    Il DDL fatto in casa e abbastanza diverso da quello industriale, in aspetto e sapore. Guardate:



    Il DDL è argentino? Si, certamente. Ma anche se noi vorremmo avere l'esclusività e pretendiamo essere gli inventori, questo non è necessariamente vero...
    Il DDL si fa, con alcune modifiche, in diversi paesi latinoamericani. Con Uruguay compartiamo storia e tradizioni, il DDL è una di quelli. In Cile si chiama "manjar", in Perú "manjar blanco", in Colombia "arequipe"... In Mexico "cajeta", anche se è diverso...
    Diverse sono le teorie rispetto alla sua origine. Esiste una molto difusa che racconta la storia di una schiava (del tiranno Rosas) che dimenticò la lechada (latte e zucchero per il mate) sul fuoco... non ha molto fondamento... provate a "dimenticare" il latte con lo zucchero sul fuoco un'ora e mezza e ditemi se ottenete il DDL... Di sicuro rovinate una pentola e sprecate una buona quantità di latte e zucchero e niente più...
    Per me il DDL ha le sue radici nella tradizione coloniale di dolci con altissimi contenuti di glucosio non adatti per diabetici...

    Comunque sia, spero vi piacia...
    [img]graemlins/E20.gif[/img]

    [ 08.07.2003, 06:17: Messaggio modificato da: Marcela ]
    Ultima modifica di Marcela; 13/10/2007, 22:46.
    My Flickr...
    ...e il mio blog.

  • #2
    Guardate pure la versione veloce, ma sempre diversa, con il latte condensato:

    http://www.coquinaria.it/cgi-bin/ubb...=008945#000000
    My Flickr...
    ...e il mio blog.

    Commenta


    • #3
      Che delizia Marcela, lo farò sicuramente

      Commenta


      • #4
        Slurp che bontà, ho appena mangiato una merendina con il ripieno di dulce de leche che mi ha portato la mia collega. Ha una cugina che è appena arrivata dall'Argentina e abita proprio a Cordoba: si chiama Gabriella Casal e sta a La Calera, avrà circa trentacinque anni, la conosci?
        Coquinaria è un fuoco che ti frigge il cervello, e tu sei lieto perchè ha la crosticina croccante perfetta... (Susanna)

        Commenta


        • #5
          Ciao Marcela!
          E senti un pò...a parte mangiarlo con il cucchiaino, o anche con le dita, insomma che ci si può fare? Hai qualche ricetta da inviarci a me soprattutto che sono un pò ignorante in materia?
          Un bacio [img]graemlins/E20.gif[/img]

          Commenta


          • #6
            Sarei tentata a prepararla, ma rimando l'opera un'ora e mezza a girare, proprio non ci riesco è una punizione.Comunque grazie anche per la foto
            .... amica del sole...

            Commenta


            • #7
              Chissà se col "Bimby" ci si può riuscire.
              Aprire il forum di Coquinaria mi consente una "sostenibile leggerezza dell'essere"
              Elzen

              Commenta


              • #8
                Quasi, quasi lo faccio utilizzando il paiolo della polenta con il suo mischiatore elettrico....
                Grazy
                ...Autogestire la propria creatività, senza intermediari, senza volontà eccelse e onnipotenti che decidono al posto tuo, poco a poco ti rivela la necessità di autogestire il tuo stesso destino. (S. Agosti)
                Ingiuriare i mascalzoni è cosa nobile, perché, a ben vedere significa onorare gli onesti! (Aristofane)

                Commenta


                • #9
                  Ma poi per quanto si conserva?
                  Grazy
                  ...Autogestire la propria creatività, senza intermediari, senza volontà eccelse e onnipotenti che decidono al posto tuo, poco a poco ti rivela la necessità di autogestire il tuo stesso destino. (S. Agosti)
                  Ingiuriare i mascalzoni è cosa nobile, perché, a ben vedere significa onorare gli onesti! (Aristofane)

                  Commenta


                  • #10
                    cita:
                    Inviato da: Graziana:
                    Quasi, quasi lo faccio utilizzando il paiolo della polenta con il suo mischiatore elettrico.... [/QUOTE]Che buona idea!!! Peccato che io non ne abbia uno, ma mi sembra che sarebbe ottimo. Se lo fai, ti prego, raccontami...
                    La domanda della conservazione è difficile, da me non dura molto tempo
                    Ma in frigo io direi circa un mese, forse di piu`
                    My Flickr...
                    ...e il mio blog.

                    Commenta


                    • #11
                      cita:
                      Inviato da: Laquaglia ©:
                      Ciao Marcela!
                      E senti un pò...a parte mangiarlo con il cucchiaino, o anche con le dita, insomma che ci si può fare?
                      [/QUOTE]Mangialo con crespelle, nel "pionono", alfajores (ricette nel database), con il pan di Spagna... con biscotti, con pane, con cacao oppure sciolto con cioccolato e come la tua immaginazione indichi...
                      Guarda questo topic:

                      http://www.coquinaria.it/cgi-bin/ubb...=009771#000005

                      Se mi viene in mente altra ricetta la pubblico qui

                      [img]graemlins/E20.gif[/img]
                      My Flickr...
                      ...e il mio blog.

                      Commenta


                      • #12
                        cita:
                        Inviato da: Marcela:
                        cita:
                        Inviato da: Graziana:
                        Quasi, quasi lo faccio utilizzando il paiolo della polenta con il suo mischiatore elettrico.... [/QUOTE]Che buona idea!!! Peccato che io non ne abbia uno, ma mi sembra che sarebbe ottimo. Se lo fai, ti prego, raccontami...
                        La domanda della conservazione è difficile, da me non dura molto tempo
                        Ma in frigo io direi circa un mese, forse di piu`
                        [/QUOTE]Ma una volta pronto non si potrebbe mettere in vasetti e sterilizzare?
                        Grazy
                        ...Autogestire la propria creatività, senza intermediari, senza volontà eccelse e onnipotenti che decidono al posto tuo, poco a poco ti rivela la necessità di autogestire il tuo stesso destino. (S. Agosti)
                        Ingiuriare i mascalzoni è cosa nobile, perché, a ben vedere significa onorare gli onesti! (Aristofane)

                        Commenta


                        • #13
                          Ne avevo portati due vasetti al coquiraduno a Bologna.
                          Io faccio il Dulce de Leche da oltre un anno seguendo la ricetta di Maria Esther Colciago sul db (ma sicuramente farò anche la tua Marcela).
                          Non mi viene così duro, ma forse perchè io mettevo lo zucchero con il latte ancora freddo.
                          Per la conservazione io metto in vasetti (perfettamente asciutti) e strerilizzo in acqua bollente per venti minuti almeno.
                          Così si conserva anche mesi a temperatura ambiente.
                          Quando si apre il vasetto però è meglio tenerlo in frigo e mangiarlo alla svelta (a casa mia non dura mai molto).
                          Confucio disse: \"Se una soluzione esiste, perchè ti preoccupi? E se la soluzione non esiste, perchè ti preoccupi?\"

                          Commenta


                          • #14
                            nella nostra squadra giocano due ragazzi argentini, che già diversi mesi fa, hanno promesso di farlo .....

                            bugiardi



                            ci provo col bimby, che è ritornato dall'ennesima riparazione

                            mariano
                            Paradosso di Potito: "Se ascolti a me, fai come vuoi"

                            Commenta


                            • #15
                              cita:
                              Inviato da: Gigiotta:
                              Ne avevo portati due vasetti al coquiraduno a Bologna.[/QUOTE]Ma che brava Gigiotta! Avevo sentito che c'era del DDL a Bologna, ma pensavo fosse industriale..

                              cita:
                              Non mi viene così duro, ma forse perchè io mettevo lo zucchero con il latte ancora freddo.[/QUOTE]Si, questa è un'altra versione. Ma credo che basterebbe bollirlo ancora più per renderlo più duro...

                              cita:
                              Per la conservazione io metto in vasetti (perfettamente asciutti) e strerilizzo in acqua bollente per venti minuti almeno.
                              Così si conserva anche mesi a temperatura ambiente.
                              [/QUOTE]Farò pure io la prova...
                              My Flickr...
                              ...e il mio blog.

                              Commenta

                              Operazioni in corso..
                              X