X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Le ricette del nostro pranzo di Pasqua. E le vostre?

    Ragazzi che ne dite di pubblicare le ricette dei nostri pranzi di Pasqua?
    Il nostro è stato un po' particolare: eravamo in quattro (noi due e le rispettive genitrici) e abbiamo studiato un pranzo che rispettasse un po' di bisogni e un po' di desiderata ovvero: no glutine e no lattosio, no lieviti, no formaggi, no pesce, no agnello, no tartufi, no funghi, no asparagi. Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   apparecchiatura-pasquawm.jpg 
Visite: 47 
Dimensione: 138.4 KB 
ID: 2840432



    E quindi:
    Uova sode con maionese alle erbe e maionese al limone confit
    (ho preso la maionese già pronta a e ho aggiunto ad 200 ml un cucchiaino bello colmo di erbe tritate con mezzo spicchio d'aglio e all'altra un cucchiaio colmo di pasta di limone confit). Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   maionese-alle-erbewm.jpg 
Visite: 59 
Dimensione: 129.4 KB 
ID: 2840437



    Salame toscano (il regalo della Giorgina, per quelli presenti all'ing compleanno)
    Salame bergamasco (Gino e Ombretta )
    Culatello del Salumificio Peveri (quello che è stato messo in tavola anche all'ing compleanno) Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   salame-e-culatellowm.jpg 
Visite: 44 
Dimensione: 167.0 KB 
ID: 2840436



    (per le mamme tradizionaliste panina gialla e panina coi ciccioli)

    Il già presentato su queste tavole risotto al caffè e foie gras (in archivio)


    Coniglio fritto e pomodorini gratinati Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   coniglio-frittowm.jpg 
Visite: 44 
Dimensione: 174.7 KB 
ID: 2840438

    Coniglio fritto:
    per 4 persone:
    un coniglio
    4 cucchiai colmi di farina di riso
    il succo e la scorza di un limone
    sale
    olio per friggere

    Ho disossato il coniglio riducendolo a bocconcini e l'ho messo a marinare per un paio d'ore con succo e scorza di un limone (di Gino).
    A quel punto ho scolato il liquido, infarinato con farina di riso e fritto in olio caldo ma non troppo (altrimenti il coniglio resta crudo al centro).
    Salato una volta cotto e portato subito in tavola.

    Pomodori gratinati
    500 g pomodorini piccailly
    200 g di pangrattato (io uso il pedon senza glutine e senza lieviti)
    un cucchiaino abbondante di origano secco
    due cucchiai di capperi sott'aceto (io sotto sale sciacquati, per via dell'intolleranza all'aceto)
    un cucchiaio colmo di aceto dei capperi
    due cucchiai d'olio extravergine di oliva
    (se non siete intolleranti al lattosio ci vanno anche un paio di cucchiai di parmigiano grattugiato)
    uno spicchio d'aglio schiacciato
    Aprite a metà per il lungo i pomodorini, salateli leggermente, mettete un niente di zucchero e poi infornate a 130°C per 20 minuti (meglio se ventilato).
    Nel frattempo preparate il pangrattato aromatico.
    Versate il pangrattato sui pomodorini e cuocete a 150°C fino a quando il pane sarà bello dorato.

    e carciofi fritti Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   carciofi-frittiwm.jpg 
Visite: 38 
Dimensione: 139.9 KB 
ID: 2840439

    Polte benissimo i carciofi (meglio lasciare una foglia in meno che una in più). Io ho usato 6 mamme. Lasciate anche un po' di gambo.
    Tagliate ogni metà di carciofo in 6/8 pezzettini, con il gambo.
    Via via che li pulite immergeteli in acqua gassata.
    Scolateli bene e cospargeteli con farina di riso (io 4/5 cucchiai) e poi versate sopra due albumi sbattuti.
    Mescolate e friggete in abbondante olio mescolando fino a quando non saranno ben croccanti. Scolate e salate.

    spinaci al pomodoro e spaghetti di zucchine e cipollotto con erbe e limone Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   spaghetti-di-zucchine-e-cipollawm.jpg 
Visite: 37 
Dimensione: 172.8 KB 
ID: 2840433

    Ho spiralizzato 2 zucchine (Adriana) e le ho messe in marinata con succo di limone, menta fresca, basilico, sale e olio. Ho aggiunto le una cipollina di tropea svirilizzata e ho lasciato in frigo per due ore. Scolato bene e messo di nuovo in frigorifero.

    Budino alla panna e caffè di Betti (in archivio, con aggiunta di due espressi ristretti)

    Crumble rabarbaro e fragole Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   crumble-fragole-e-rabarbarowm.jpg 
Visite: 36 
Dimensione: 132.8 KB 
ID: 2840434
    Ho scongelato
    500 g rabarbaro e l'ho cotto con 500 g di fragole e 200 g di zucchero di canna chiaro (le fragole non sapevano di nulla, altrimenti 150 sarebbero bastati) con 30 g di burro.
    In una ciotola ho mescolato
    100 g di farina di miglio
    150 di farina di riso
    40 di amido di tapioca
    50 g farina di mandorle
    50 g di fiocchi di avena*
    130 g di burro
    90 g di zucchero muscobado
    fino ad ottenere delle palline.
    messa la frutta in una ciotola e sopra il crumble.
    La frutta era troppo poca, ne va messa almeno dello spessore di tre o quattro centimetri perché il crumble assorbe.
    cuocere a 200°C fino a quando il crumble sarà dorato

    *l'avena per AIC Italia è considerata ancora un alimento da prendere con le molle. La mia era inglese e certificata.

    Uovo di cioccolato
    e una nuova versione della colomba senza glutine e senza lattosio (ma con lieviti quindi per me out...) fatta con farina Revolution Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   colomba-senza-glutine-revolutionwm.jpg 
Visite: 44 
Dimensione: 214.6 KB 
ID: 2840435



    Adesso mi metto qui buonina e scrivo le ricette.
    Voi che fate? Vi accodate o mettete un topic tutto vostro? Se lo fate nuovo potete scrivere "pranzo di pasqua" nel titolo, in modo che la ricerca risulti più facile??

    Ormai lo so, che sono in terribile ritardo, ma ieri dopo il pranzo sono crollata... quindi, accettata con tutto il mio cuore dei profondi auguri di bene e serenità per ognuno di voi!!!
    Ultima modifica di Rossanina; 06/04/2015, 17:44.

  • #2
    Che buono, Ross, mi fa gola tutto. Non avrei sentito la mancanza di niente.
    Io, col mio misero pranzetto, mi accodo e basta. Veramente non abbiamo festeggiato Pasqua, percio', una cena come tante altre. Ho fatto la piadina cinese e volevo provarla anche in versione italiana...ho un boccettino di olio di tartufo bianco di tartufolanghe da usare, e avevo fatto anche la piadina con quell'olio e rosmarino tritato e ho bruciato proprio quella!
    Abbiamo mangiato anche una buonissima carne alla griglia e salsicce, asparagi, crudite'. Soliti salumi.
    Ho fatto anche la crostata amaretti mandorle della Fede Pozzi, molto buona, forse un poco troppo dolce per me. La prossima volta ci infilo un po' di marmellata amarognola sul fondo delle crostata.

    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   cena pasqua.JPG 
Visite: 47 
Dimensione: 88.7 KB 
ID: 2840453


    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   crostata amaretti.JPG 
Visite: 39 
Dimensione: 89.0 KB 
ID: 2840454

    Francesca Spalluto

    Commenta


    • #3
      Quella piadina cinese la devo provare...
      Mi ricordi dove posso trovare la ricetta della Pozzi?
      Complimenti anche per le foto!!! Quella piadina chiama! e che dire della crostata della Pozzi?

      Commenta


      • #4
        Bellissimo, Ross! Aspetto da brava il budino alla panna e caffè
        ...fatti non foste a viver come bruti...

        http://www.emanuelepolverelli.it/Sit...Benvenuto.html

        Commenta


        • #5
          Ma te a pranzo che hai mangiato ieri?

          Commenta


          • #6
            Per il budino alla panna e caffè ho seguito la ricetta di Betti
            Visualizza la ricetta

            solo che ho aggiunto due espressi alla panna.
            é un dolce stupendo.
            Io l'ho fatto la sera prima, abbattuto e poi tenuto in frigo.
            Servito bello freddo..

            Commenta


            • #7
              Belle cose cavolo...mi mettono una gola! Io quest'anno ho cucinato solo l'antipasto che ho già postato l'altroieri (capesante con prosciutto di Parma, asparagi e salsa di corallo) e il dolce (due pastiere napoletane con la ricetta di Rosaria, di cui una gigante da 4 chili e mezzo larga 34 cm venute perfette, basti dirvi che non ci sono più), una semplice crostata alla confettura di prugne (fatta con la frolla della pastiera avanzata), e sbrisolona alle nocciole e mandorle con spuma al cioccolato olio e sale (ricetta sempre di Mei che ho fatto al piatto). Buona buona. Il resto è stato cucinato da mia mamma. Siamo andati sul classicissimo e su cose che non azzeccavano nulla con l'antipasto ma tant'è, a casa mia a tavola siamo matti. Comunque lasagne, abbacchio al forno con patata. Carciofi fritti e frittura di pesce. Poi sempre come antipasto mia zia aveva portato l'antipasto piemontese e la d'luia, un salame fresco sotto grasso tipico di Novara. Non so nemmeno se si scriva così. Ah e mia mamma ha fatto il solito paté di fegatini. Insomma Pollock a confronto è un dilettante. Uno dei piu buoni pranzi di Pasqua che abbia mai fatto...sarà perché ho sgobbato poco e mangiato tanto?
              http://ciambellettaalvino.blogspot.com/

              http://tusciaintavola.tusciamedia.com/

              Commenta


              • #8
                Visto che l'hai fatta te mi spiegheresti benino la sbrisolona?
                E come fate i carciofi fritti?
                E per antipasto piemontese intendi quella sorta di sottaceti misti?
                E come è il pâté di fegatini?
                Insomma, anche le mie domande son un po' a caso

                Commenta


                • #9
                  Prova foto pastiera. Si vede?

                  Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   image_11370.jpg 
Visite: 38 
Dimensione: 105.4 KB 
ID: 2840499
                  Ultima modifica di L'Ing; 06/04/2015, 18:11.
                  http://ciambellettaalvino.blogspot.com/

                  http://tusciaintavola.tusciamedia.com/

                  Commenta


                  • #10
                    Io sono andata ad una gastronomia self Service com marito, fratello e cognata. Una cosa molto alla buona.
                    Io ho mangiato: risotto con gamberi e asparagi, cipolline glassate e asparagi lessi. Per dolce un pezzo di torta tipico di viareggio, con crema e cioccolato e guscio di pastafrolla. Mio marito ha preso risotto zucchini e salsiccia, rapini bolliti e il tiramisù. Mio fratello i tordelli alla toscana con ripieno di carne, arrosto con patatine e un dolce come il mio. La cognata agnello arrosto e verdure tipo caponata. Insomma, abbiamo fatto un potpourri di cose, magari poco pasquali, ma che ci andavano.
                    Si è sempre i meridionali di qualcuno.

                    alberta

                    Commenta


                    • #11
                      Pubblicato originariamente da alibaba Visualizza il messaggio
                      Insomma, abbiamo fatto un poupourri dicose, magari poco pasquali, ma che ci andavano.
                      Il che mi pare anche una cosa giusta!!! <3

                      Commenta


                      • #12
                        mi capisci, tu!
                        Si è sempre i meridionali di qualcuno.

                        alberta

                        Commenta


                        • #13
                          Ross, dopo quello che ho letto del tuo menù, io mi vado a nascondere dietro alla lavagna, il mio pranzo di Pasqua più tradizionale di così si muore!!
                          A pranzo avevo dei carnivori che mi avevano fatto una precisa richiesta, ho saltato gli antipasti per fare in abbondanza lasagne verdi al forno stra-condite specialmente di ragù, strozzapreti con sugo agli stridoli.
                          Come secondo, agnello in tegame e arrosto di manzo con patate, insalatina mista, asparagi lessati e conditi semplicemente con olio e limone. Grissini e pane fatti da me,
                          Come dolci, colomba e strudel, gentilmente portato da un amico a cui ho passato la ricetta di Annamaria Romano e un mega uovo di cioccolata e nocciole anch'esso portato da un amico.
                          Poco o niente è rimasto e i miei amici se ne sono andati alle sei di sera, quando hanno capito che per cena non c'era niente, se non una bella tisana!!

                          "Conta poco avere il vento favorevole, se non sai dove andare."

                          Commenta


                          • #14
                            Pubblicato originariamente da Rossanina Visualizza il messaggio
                            Quella piadina cinese la devo provare...
                            Mi ricordi dove posso trovare la ricetta della Pozzi?
                            Complimenti anche per le foto!!! Quella piadina chiama! e che dire della crostata della Pozzi?
                            Grazie, Ross. La piadina cinese e' sempre graditissima in casa mia, anche dai miei ospiti, la propongo spesso con i salumi.
                            La torta della Fede, l'ho trovata qui.
                            Dico pure che io ho usato il 60% del ripieno per una tortiera per crostate 20x30 cm.
                            Se a qualcuno interessasse ho misurato tutto.


                            Costata di Federica Pozzi, mie quantita'

                            Ripieno per una crostata 20x30:

                            150 g di farina di mandorle (tra queste c'erano anche una manciatina di mandorle piu' grossine, tostate e con la buccia)
                            150 g di amaretti secchi sbriciolati
                            90 g di zucchero (un po' troppo per me, prossima volta marmellata di arance amare sul fondo)
                            140 g di uova pesante senza guscio (separare tuorli e albumi, 2 uova grandi per me)
                            60 g di latte/amaretto di saronno (io circa 12 g di amaretto e il restante di latte)
                            1/4 di cucchiaino di olio di limone (o poca buccia grattugiata)
                            1/4 di cucchiaino di lievito chimico
                            pizzico di sale

                            Foderate una teglia da crostate di pasta frolla*. Mescolate la farina di mandorle, con gli amaretti in polvere, il lievito, il salte, i tuorli, il liquido e 40 g di zucchero. Montate gli albumi con i restanti 50 g di zucchero. Incorporate. Versate sulla frolla e infornate a 170gradi. Io per circa 35 minuti.

                            Frolla: ho usato una di Maria Pia Trubiani (per la crostata di pere e amaretti). E' una frolla morbida:
                            Pasta frolla300 g di farina, 150 g di zucchero,1 cucchiaino raso di lievito,3 tuorli (io 4 piccoli, direi 35-40 g in tot), 150 g di burro,limone grattugiato (io pasta di vaniglia). Con queste quantita' ho rivestito la tortiera per crostate 30x20 e 1 anello per crostate da 15 cm, piu' un anello da 6 (ma non avevo ripieno per queste). Tirato ad un'altezza di 4mm.
                            Francesca Spalluto

                            Commenta


                            • #15
                              Pubblicato originariamente da IlariaC Visualizza il messaggio
                              Prova foto pastiera. Si vede?

                              [ATTACH=CONFIG]n2840499[/ATTACH]
                              Bellissima!
                              Francesca Spalluto

                              Commenta

                              Operazioni in corso..
                              X