X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #61
    Scusate il ritardo.
    Allora ecco la ricetta delle polpette di polpo (destrutturata rispetto all'originale gallipolino)

    1 kg di polpo bollito morbido
    100 gr di pecorino grattuggiato
    due uova intere
    pepe, sale
    pangrattato

    Ho tritato col tritatutto il polpo con poco acqua di cottura, tanto da ottenere una bella poltiglia fine e appiccicaticcia.
    Ho aggiunto uova, pecorino, sale e pepe e assaggiato per regolare il sapore sapido.
    Ho passato nel pangrattato non fine e messo in frigo fino al momento di friggere.

    Poi (e qui sta la detrutturazione) ho chiesto ad Aleaffa di prepararmi un'emulsione a base di prezzemolo, aglio, limone e olio, per intingere le polpette e stemperarne il sapore intenso.
    (nella ricetta originale aglio e prezzemolo erano nell'impasto, ma secondo me le popette erano più pesanti)



    ty

    [ 31.05.2006, 14:49: Messaggio modificato da: ty ]
    Mettiamo un disco sul giradisco, baci in cucina, baci in sala, baci in garage.
    E poi facciamo 120 bambini tutti con dei nomi molto particolari,
    così gli canto una canzone, di quelle belle che li fanno addormentare - dente

    Commenta


    • #62
      ty, a te ti ho vista per 30 secondi in tutto il raduno, ma le tue polpette non le ho viste proprio!
      seccante, molto seccante (anche perché io il polipo non lo cucino, mi fa impressione -sigh)

      Commenta


      • #63
        Su su,non vedo i fiori di zucca di Ellemir, le crepes di Bruna...su su!

        Commenta


        • #64
          ok,avvio il mio intervento,ma per le dosi giuste non so se riesco ad essere precisa.
          Io oltre a portare "bocconcini"molisani (sono mozzarelle,ho visto una foto di Ross che sta per addentarne uno),per il pranzo del sabato ho fatto il "Baccala' arraganato"(o "ammollicato"),di cui gia' ho postato foto e ricetta in passato.


          BACCALA' AMMOLLICATO,O "ARRAGANATO"

          questo è un piatto della tradizione molisana,che come tutti i piatti di tradizione si configura come cucina "povera";è per questo che spessissimo si trova nelle preparazioni tipiche l'uso della mollica del pane,quel pane "di casa"nostro,quelle "ruote"che dovevano servire a sfamare per una settimana le famiglie e i pastori che andavano sulle montagne,e la forma a "ruota"serviva proprio per mantenere più a lungo morbida la mollica interna.
          Con la mollica si condisce anche la pasta,la sera della Vigilia:aglio,olio,qualche alice dissalata e abbondante mollica di pane raffermo sbriciolata,che all'inizio sembra beva tutto l'olio,poi quando si abbrustolisce lo rilascia tutto.
          Il baccalà dunque:
          si mette in una pirofila da forno dei bei pezzi di baccalà ,su un fondo di olio,e si cosparge la superficie abbondantemente di mollica condita con:
          pezzetti di peperone
          uvetta ammolata
          olive nere
          noci e pinoli tritati
          capperi
          origano
          qualche pomodorino spaccato
          qualche spicchio di aglio (che io infilzo in stuzzicadenti,per poi rimuoverlo agevolmente)
          poco sale
          olio
          Si inforna per una mezz'oretta,all'inizio coprendo la teglia di carta stagnola,togliendola verso la fine per una breve rosolatura.


          Per il pranzo della domenica ho preparato lo Sformato di crepes alle zucchine e un arrosto di maiale all'arancia.

          SFORMATO DI CREPES ALLE ZUCCHINE

          la dose che uso per le crepes prevede:
          4 uova
          200 gr. di farina
          250 gr. latte
          250 gr.acqua
          pizzico di sale
          una noce di burro sciolto
          con questa dose ne vengono una quindicina di diametro medio.Io Ho fatto due dosi e mezza e le ho fatte in quella padellona quadrata che posseggo,per cui a comporre lo sformato ho fatto subito (me ne sono avanzate un po',ma avevo esaurito i 2 kg.di zucchine che avevo portato)
          Ho ricavato dalle zucchine (da cui ho eliminato un po' di interno)delle julienne che ho saltato con olio e aglio,a fuoco sostenuto,salato e aggiunto della panna liquida fresca (a Rimini 1 litro e 250 gr.)Il composto deve alla fine risultare molto morbido,quasi liquido.
          Lo sformato poi si compone come fosse una lasagna,imburrando il fondo della teglia,disponendo uno strato di crepes,qualche bella mestolata di composto di panna e zucchine,parmigiano e mozzarella tritata.Formare almeno 4/5 strati ed avere l'accortezza di finire con lo strato di panna e zucchine.Poi in forno per una trentina di minuti.Chi lo ha mangiato a Rimini e voglia rifarlo sappia che quelle bruciacchiature dei bordi non devono venire ,benche' abbia,come e' bene fare,coperto con stagnola i primi 15' e poi scoperto.

          ARROSTO DI MAIALE ALL'ARANCIA

          un pezzo di capocollo di maiale (cercate di farvi tagliare un pezzo dalla parte piu' magra,io ne ho fatti due,per un totale di 5 kg!)
          succo di arancia
          vino bianco
          sale,rosmarino,olio

          e' semplicissimo,si rosola come ogni arrosto in olio e qualche rametto di rosmarino,dopo aver maneggiato bene la carne con sale fino.Si spreme il succo da 3/4 arance (io per la verita' per quei due pezzi ho utilizzato in tutto 9 arance),lo si misura e lo si aggiunge alla carne con pari quantita' di vino bianco.Si abbassa la fiamma,si copre e si sorveglia la cottura che richiedera' 2 ore e mezza o tre.Tutto qui.

          Avevo con nme l'occorrente anche per preparare il Tiramisu al limoncello, ma poi vi ho rinunciato... lo avanzate! [img]graemlins/E17.gif[/img]

          [ 05.06.2006, 15:03: Messaggio modificato da: numberone ]

          Commenta


          • #65
            ti aspettavo Bruna, grazie!
            ...fatti non foste a viver come bruti...

            http://www.emanuelepolverelli.it/Sit...Benvenuto.html

            Commenta


            • #66
              Io ho fatto
              ricciarelli

              ricetta nel DB

              riso allo scoglio

              qui ci sono i fotogrammi

              linguine con il sugo di pesce prete

              qui ci sono i fotogrammi con l'orata ma il procedimento è lo stesso.

              [ 07.06.2006, 08:25: Messaggio modificato da: elena ]
              Elena

              Commenta


              • #67
                Comincio con la ricetta della TORTA AL CIOCCOLATO E NOCCIOLE che trovate con i fotogrammi qui
                faccio un copia e incolla per i pigri

                Qualche giorno prima ho preparato i dischi al cioccolato:
                albumi 190 g
                zucchero 240 g
                tuorli 150 g
                cacao 70 g
                sale 1/2 cucchiaino
                Si montano bene gli albumi con lo zucchero ed il sale.
                Si aggiungono a mano e molto delicatamente i tuorli, poi sempre facendo attenzione a non smontare il composto si aggiunge il cacao setacciato.
                Con la sac a poche e bocchetta liscia (n°13) si fanno dei cerchi a spirale nella placca ricoperta da carta da forno. Si cuoce con funzione ventilata a 170° per 20 minuti.
                Con questa dose ne vengono 2 ma per la torta ne servono 3, vi consiglio di non aumentare questa dose ma di farla in due volte perché se non avete il forno da 90 cm. rischiate che il terzo e quarto disco si smonti mentre cuoiciono i primi 2.

                Ho fatto un litro di crema pasticcera più leggera del solito visto l'insieme della torta:
                Latte 1 litro
                Tuorli 4
                Zucchero 250 g
                Amido di mais 100 g
                Sale
                Vaniglia
                A questa per aumentare la consistenza ho aggiunto 3 fogli di colla di pesce e lasciato raffreddare.

                Ho montato 400 g di panna ed aggiunta delicatamente alla crema.
                Si divide in 2 parti uguali, ad una delle quali si aggiungono 2 belle cucchiaiate di pasta di nocciola.

                Cominciamo a montare il dolce con il cerchio del LIDL:
                Sul fondo del disco di pasta si spalma dl cioccolato da copertura per renderlo impermeabile, quando è asciutto si mette sul fondo del cerchio e si bagna con dello sciroppo al rum.

                Si versa la crema alla nocciola.

                Si aggiunge il disco centrale e lo si bagna con lo sciroppo al rum.

                Quindi la crema chantilly

                Ultimo disco di pasta che ricopro anche questo con una 'leccata... di cioccolato fondente.
                Metto per qualche ora in frigo in modo che si compatti bene.

                Intanto preparo la glassa con:
                200 g di cioccolato fondente
                100 g di cioccolato da copertura (surrogato)
                30 g di glucosio (sta volta non ce l'avevo ed è riuscita lo stesso)
                10 g sciroppo al rum
                125 g di panna
                Si fa bollire la panna col glucosio, la si versa sul cioccolato ridotto a pezzettini e si fa sciogliere bene a bagnomaria, si aggiunge poi lo sciroppo per dare lucentezza.

                Quando la glassa è pronta bisogna avere già pronte anche le mandorle a lamelle in un vassoio ed il cioccolato bianco già sciolto.

                Si toglie ora la torta dal cerchio di metallo e la si mette sulla griglia del forno che a sua volta sarà sopra la leccarda in modo da poter raccogliere la glassa in eccesso.
                Si versa ora tutta la glassa sulla torta che dovrebbe colare bene suoi bordi, se così non fosse si facilita l'operazione muovendo un po' il vassoio senza però toccarla mai altrimenti restano i segni.
                Con la spatola poi si ricopre bene di cioccolato il bordo, in questo caso non importa se si vedono i segni, tanto poi ci vanno le mandorle.

                Ora si mette il cioccolato fuso i un cornetto di carta da forno e si tracciano delle righe parallele sulla glassa ancora liquida, con uno stuzzicadenti, si tirano poi perpendicolarmente prima da una parte e poi dall'altra.
                Prima che si solidifichi la glassa si ricopre il bordo con le mandorle a lamelle.

                Con il cioccolato bianco (sempre surrogato) ho fatto delle grigliette sulla carta da forno e fatto asciugare attorno al matterello per renderli curvi.
                Ho quindi completato la decorazione con delle nocciole per richiamare il gusto della crema ed i soli decori di cioccolato che non si sono rotti posti sopra a dei ciuffetti di panna colorata con del cacao.

                TAZZINE CON MOUSSE AL CAFFE'

                dose per 20 tazzine
                Panna fresca 180 g
                Tuorli 120 g
                Zucchero 120 g
                Colla di pesce 5 g
                Caffè solubile 6 g
                Panna montata 380 g
                Bollire la panna con un po' dello zucchero.
                Intanto sbiancare i tuorli con lo zucchero rimanente quindi aggiungervi la panna calda e cuocere a bagnomaria fino alla temperatura di 85° (cottura alla rosa).
                Aggiungervi la colla di pesce già ammollata, il caffè solubile e raffreddare in un bagnomaria a freddo mescolando continuamente.
                Aggiungere la panna montata.

                Nelle tazzine disporre un po' di mousse, un pezzetto di biscotto al cioccolato (vedi ricetta sopra) altra mousse ed un ciuffo di panna montata,
                infine spolverare di caffè in polvere.


                SCROCCHIADENTI

                Questi sono dei biscottoni tipo brutti&buoni ma fatti con un procedimento particolare.
                Per una cinquantina di biscotti:
                Mandorle 250 g
                Zucchero a velo 250 g
                Albumi circa 2
                Si tritano grossolanamente le mandorle con un coltello da cucina e si uniscono allo zucchero a velo,
                quindi si aggiunge l'albume un po' alla volta fino ad ottenere un impasto compatto ed un po' colloso.
                A questo punto va steso il tutto con il mattarello tra due fogli di carta da forno (come per una pasta frolla) aiutandosi con parecchio altro zucchero a velo per non farlo attaccare.
                Si tagliano dei quadrati di circa 2 cm per lato e si spolverano con cacao o zucchero a velo,
                si dispongono nella teglia del forno e si lasciano riposare per parecchie ore meglio se tutta la notte.
                Cuocere a 150° per 20/30 minuti, e lasciare asciugare all'interno del forno semiaperto finché si raffredda.

                [ 09.06.2006, 18:35: Messaggio modificato da: Micky ]

                Commenta


                • #68
                  Metto le mie...

                  TAGLIATELLE FRITTE

                  Fare una normalissima pasta con uova e farina.
                  Tirarla e cospargere la superfice di zucchero e buccia di limone grattugiata.
                  Arrotolare stretto, fare riposare 5 minuti, tagliare tagliatelle come solito. Friggere i rotolini in olio alto, pochi per volta, badando che lo zucchero si caramelli sulla pasta.
                  Scolarle (non sulla carta) e cospargerle con abbondante zucchero. Quando sono fredde bagnare appena con liquore
                  a piacere. (Io uso il Sassolino, che ha un leggero profumo di anice).

                  TORTA DI MELE ALLA CREMA


                  Per la pasta frolla

                  100 g di burro
                  200g di farina
                  1 tuorlo
                  vanillina
                  50 g di zucchero

                  Per il ripieno di mele

                  6 mele renette
                  40 g di zucchero
                  il succo di un limone

                  Per la crema

                  2 uova intere
                  3 cucchiai di zucchero
                  250g di crema di latte
                  20 g di fecola di patate

                  Impastare velocemente il burro con la farina, il lievito e il tuorlo.
                  La pasta risulta piuttosto morbida, deve riposare in frigo mezz'ora.
                  Tirarla e foderare uno stampo con cerniera.
                  Cuocere la pasta con la carta da forno ricoperta di fagioli secchi, perché non si sollevi troppo,
                  per circa 20 minuti a 180°.

                  Sbucciare le mele, tagliarle a tocchetti , metterle in una pentola con lo zucchero e il succo del limone. Cuocere fino a che saranno quasi sfatte e asciutte, (ci vorranno 10 minuti),
                  fare intiepidire.
                  Mettere le mele sopra la pasta frolla ancora calda, livellare e versare sopra una crema ottenuta sbattendo le uova con lo zucchero e la crema di latte e la fecola.
                  Infornare a 180° per circa 30/40 minuti.
                  La superfice della torta deve essere caramellata.

                  SFOGLIA RIPIENA


                  2 rotoli di pasta sfoglia
                  3 cipolle di tropea
                  2 mozzarelle di bufala
                  7/8 acciughe sott'olio
                  3 cucchiai di passata di pomodoro

                  Affettare sottilmente le cipolle e stufarle in una padella con un
                  goccio di olio. Salare un poco e lasciare intiepidire.
                  Stendere la pasta sfoglia e tirarla per renderla un poco più sottile.
                  Su di una sfoglia distribuire le cipolle, lasciando un poco di bordo.
                  Mettere anche le acciughe e la mozzarella tagliata a dadini.
                  Coprire con l'altra sfoglia e chiudere bene.
                  Mettere sulla superfice la passata di pomodoro e un poco di sale e
                  a piacere origano.
                  Cuocere in forno a 180° per 20 minuti circa.

                  [ 01.06.2006, 18:54: Messaggio modificato da: Rossanina ]
                  In direzione ostinata e contraria.....da sempre

                  Commenta


                  • #69
                    [img]graemlins/applause.gif[/img] [img]graemlins/applause.gif[/img] [img]graemlins/applause.gif[/img] tutte qui le ricette?
                    bravi e belli tutti quanti,ciaooo

                    Commenta


                    • #70
                      Io ho portato:
                      La ventricina vastese
                      La ventricina teramana(spalmabile)
                      ecco il link dove ne spiegavo la differenza
                      Pecorino sotto crusca
                      Bignolata alle fragoline di bosco

                      PER i bignè:
                      150gr di farina, 250gr di acqua, 100gr di burro, 10 gr di zucchero, 4 uova, un pizzico di sale, procedimento normale per bignè.
                      PER la crema:
                      mettere in un tegame antiaderente 1 litro di latte con 150 gr di zucchero, un pezzetto di scorza di limone e una presa di sale fino, far bollire.Nel frattempo lavorare 150gr di zucchero con 8 tuorli, montare bene e poi aggiungere 100gr di farina e 40 gr di amido di mais.Togliere il limone e aggiungere al composto lavorato un po" del latte caldo, versare il tutto nel tegame e far addensare, io ho aggiunto 3 cucchiai di succo di limone, fragoline di bosco schiacciate e della panna fresca . Ho montato il tutto e a strati messo le fragoline.
                      CILIEGIE, PRODUZIONE PROPRIA


                      [ 10.06.2006, 21:41: Messaggio modificato da: concettina ]
                      http://www.flickr.com/photos/8449256@N04/

                      Commenta


                      • #71
                        ho portato: (piatti preparati a casa per non occupare la cucina.)
                        RISO ALLA SLAVA
                        MELANZANE GRIGLIATE
                        MAIALE AL LATTE
                        bottiglie di lambrusco, secco ed amabile,

                        RISO ALLA SLAVA (rivisitato e adattato per chi ha problemi di stomaco)


                        far soffriggere la cipolla in olio (in acqua e filo olio )
                        aggiungere delle listarelle di pancetta e farle rosolare,
                        buttare il riso e farlo ben tostare, rigirarlo spesso e cuocerlo piuttosto secco,salare,
                        a parte pulire e tagliare i peperoni uno rosso uno giallo uno verde,a listarelle e a tocchettini,
                        soffriggerli in olio,(in acqua con un filo di olio) sale q.b,una manciata di prezzemolo
                        tenerne da parte crudi un cucchiao circa per ogni colore.
                        quando il riso è quasi pronto inserire i peperoni sofritti,
                        mescolare e lasciare insaporire per un minuto, mettere il tutto in una terrina,
                        aggiungere i peperoni tenuti crudi, mescolare, aggiustare di sale,
                        altra manciata di prezzemolo a crudo, e condire con olio e.v. si può servire sia caldo che freddo.

                        MELANZANE GRIGLIATE


                        preparare le melanzane a fettine, cospargerle di sale, e scolarle dall'acqua prodotta, cominciare
                        a grigliare le fettine, nel frattempo
                        frullare in olio e.v del prezzemolo,un pezzettino di peperoncino, aglio solo il succo, sale,
                        spennellare le fettine grigliate con la salsina, lasciare riposare e servire.

                        MAIALE AL LATTE


                        un bel pezzo di filone di maiale (legarlo)
                        latte
                        alcune foglie di: alloro, salvia, rosmarino. aglio,cipolla,
                        dado tipo bolognese o quello delle Feste della knorr.
                        far arroventare un tegame antiaderente abbastanza alto della misura del pezzo di maiale.
                        inserire il filone e farlo ben rosolare alcuni minuti da tutte le parti, quando si sarà formata una bella crosticina
                        aggiungere il latte scaldato a parte fino a coprirlo completamente, aggiungere tutte le verdure intere, mezzo cucchiao di dado,
                        lasciare cuocere piano piano girandolo ogni tanto,assaggiare il sugo e aggiustare di sale.
                        quando il latte si sarà ritirato di quasi un terzo, controllare la cottura con uno stecco forando la carne da parte a parte,
                        se esce dal foro ancora acqua lasciare cuocere ancora alcuni minuti.
                        togliere il pezzo del maiale dal tegame, lasciarlo raffreddare, togliere dal sugo rimasto le foglie
                        delle verdure alloro e salvia, e frullare tutto il resto ottenemdo così una salsina morbida e spumosa,
                        volendo si pià aggiungere un flo d'olio e.v.
                        tagliare a fettine sottili il maiale, coprirlo con la salsina, si può servire sia caldo che freddo.

                        [ 01.06.2006, 18:56: Messaggio modificato da: Rossanina ]
                        mara.c
                        La virtù è come una gemma preziosa:
                        risalta meglio se la montatura è semplice

                        Francis Bacon

                        Commenta


                        • #72
                          PLUMCAKE CON PASTA DI OLIVE



                          è il "mio" solito plumcake, con una variante (inventata da roberto e non da me che notoriamente a fantasia sono messa malissimo)

                          150g farina
                          100g parmigiano grattugiato
                          3 uova
                          125g latte tiepido
                          100g circa pasta di olive
                          lievito per torte salate

                          mettere tutto nel mixer, poi in forno per 30' circa a 180°.

                          in quello portato a rimini c'era qualche pomodorino secco a listarelle ma erano pochi e quei pochi che c'erano sono precipitati in basso

                          * - * - * - *

                          TORTILLA "ALLA LIGURE"



                          e questa me l'ha preparata robi mentre facevo il plumcake.

                          300g patatine novelle bollite
                          200g fagiolini lessati
                          30g basilico
                          pinoli
                          6 uova
                          parmigiano
                          latte
                          sale & pepe

                          sbattere le uova con il parmigiano, il latte, sale e pepe come per una normale frittata. aggiungere un simil-pesto fatto con il basilico, pinoli, olio (se volete ovviamente aglio ma in questa di rimini non c'era).
                          mettere in una teglia le patate a tocchetti e i fagiolini spezzettati, versare le uova e cuocere in forno a 200° per 15' circa.

                          * - * - * - *

                          TERRINA AL ROQUEFORT E CAMEMBERT
                          da "piccoli spuntini tra amici"



                          250 g di roquefort
                          250 g di camembert
                          250 g di burro salato
                          100 g di nocciole tritate
                          100 g di uvetta
                          pane nero

                          frullare il roquefort con metà del burro, e aggiungere le nocciole.
                          frullare il camembert con l'altra metà del burro, e aggiungere le uvette.

                          in uno stampo da plum cake, disporre sul fondo le fette di pane, spalmare la crema al camembert, coprire con altre fette di pane, spalmare la crema al roquefort, finire con altre fette di pane e far solidificare in frigorifero.

                          * - * - * - *

                          TERRINA DI PANETTONE
                          in stampini monoporzione



                          per i 24 stampini di rimini, riempiti solo a metà :

                          1 panettone da 500g
                          6 uova
                          500g panna
                          100g latte
                          200g zucchero
                          2 baccelli vaniglia
                          80g uvetta
                          calvados
                          burro

                          mettere a bagno l'uvetta nel liquore.

                          sbattere le uova con lo zucchero. nel frattempo scaldare la panna e il latte con la vaniglia senza farli bollire. versare la panna nel composto di uova e far raffreddare.

                          togliere la crosta al panettone, tagliare a fette e imburrarle. mettere il panettone a pezzettini negli stampini e cospargerlo con l'uvetta (non proprio scolata completamente). versare la crema in due fasi facendola assorbire bene.

                          passare in forno a bagnomaria (grazie a rita per la dritta dello scottex bagnato nelle teglie!) per 15' a 180°.

                          [ 01.06.2006, 19:13: Messaggio modificato da: la stefi ]

                          Commenta


                          • #73
                            Io ho portato i PIEDI,

                            biscotti di pastafrolla (fatela con la ricetta che preferite, io uso quella della ROBI)

                            ANGELICA BICOLORE


                            Preparare un'angelica seguendo la ricetta delle sorelle Simili facendo due impasti ognuno con metà degli ingredienti. A uno aggiungere due o tre cucchiai di cacao amaro in polvere. Dopo averli fatti lievitare stenderli in due rettangoli,
                            sovrapporli, spennellarli di burro e spargere un paio di cucchiai di zucchero e delle gocce di cioccolato.
                            Arrotolare, tagliare e intrecciare e procedere come la ricetta originale.

                            Poi aggiungo le foto [img]smile.gif[/img]

                            [ 01.06.2006, 18:57: Messaggio modificato da: Rossanina ]
                            What the world needs now is love, sweet love (B.Bacharach)

                            Commenta


                            • #74
                              [img]graemlins/applause.gif[/img] [img]graemlins/applause.gif[/img] [img]graemlins/E20.gif[/img] [img]graemlins/E20.gif[/img] [img]graemlins/applause.gif[/img] [img]graemlins/applause.gif[/img]
                              Federica

                              Commenta


                              • #75
                                </font><blockquote>cita:</font><hr />Inviato da: ro:
                                Io ho portato i biscotti al sesamo

                                </font>[/QUOTE]le "nostre" reginelle!!!
                                ma 5 tuorli mi sembrano un tantino tanti.

                                [ 01.06.2006, 19:05: Messaggio modificato da: Rossanina ]
                                Cinzietta
                                Scrivere una ricetta è facile,ma ascoltare la sofferenza è molto più difficile" kafka
                                Il forno incantato

                                Commenta

                                Operazioni in corso..
                                X