Coquinaria – L’incontro di Tradizione, Cultura, Ricette e molto di più della Cucina Italiana

Pakora indiani

CATEGORIE


CUCINA:


PORTATA:

, , ,
TIPOLOGIA:


OCCASIONE:

,
COTTURA:


CARATTERISTICA:

, , , ,
TEMPO:

DIFFICOLTA':

COSTO:

Partners

Pakora indiani

di

DESCRIZIONE

Una cucina fatta di forti odori e di stimolo deciso per le papille gustative. Gianmaria efdies ne ha fatto una bandiera e con i suoi pakora, frittelline con una pastella di farina di ceci e riso, ha realizzato un piatto classico ottimo anche per i palati occidentali.

INGREDIENTI

Pezzetti di verdure varie: anelli di cipolla, rotelle di patata, di melanzana, fettine di zucchina, quadrati di peperone, fiori non grandi di cavolfiore, funghetti champignon e via andare.
Per la pastella:
farina di ceci pi una cucchiaiata di farina di riso
acqua fredda, (anche frizzante)
sale,
paprica dolce o piccante a scelta,
un cucchiaino di cumino,
un cucchiaino di curcuma.

Altre spezie sono a discrezione del gusto personale.
olio di arachide.



Pezzetti di verdure varie: anelli di cipolla, rotelle di patata, di melanzana, fettine di zucchina, quadrati di peperone, fiori non grandi di cavolfiore, funghetti champignon e via andare.
Per la pastella:
farina di ceci pi una cucchiaiata di farina di riso
acqua fredda, (anche frizzante)
sale,
paprica dolce o piccante a scelta,
un cucchiaino di cumino,
un cucchiaino di curcuma.

Altre spezie sono a discrezione del gusto personale.
olio di arachide.


PROCEDIMENTO

La pastella si fa con farina di ceci pi una cucchiaiata di farina di riso (aumenta il croccante del fritto), acqua fredda, (anche frizzante) sale, paprica dolce o piccante a scelta, un cucchiaino di cumino, un cucchiaino di curcuma. Altre spezie sono a discrezione del gusto personale.
E' buona norma tenere la pastella refrigerata per un'oretta prima della frittura, in quanto il contatto con l'olio bollente contribuisce anch'esso alla croccantezza del fritto. Le quantit di ingredienti per la pastella si fanno ad occhio col fine di ottenere una crema di media fluidit, che rimanga abbastanza attaccata alle verdure. E' bene che la cipolla non sia umida per evitare che la pastella non faccia bene presa. Tenere l'olio sui 170 non di meno per evitare l'unto e non di pi per non bruciacchiare la pastella. Per questi fritti uso l'arachide.

Consigli: affettare le patate a fette di circa 3 mm. per il cavolfiore usare i fiorellini piccoli, 3-4 cm, i fiori pi grandi si possono anche tagliare in 2 o in 4 spicchi.

Ti è piaciuta questa ricetta? Condividila con i tuoi amici!
Facebook Google Pinterest Twitter

ALTRE RICETTE DA PROVARE

Vai alla barra degli strumenti Esci